le notizie che fanno testo, dal 2010

Yara Gambirasio: Fikri ancora indagato. Gip vuole integrazione di atti

Mohammed Fikri rimane ancora l'unico indagato per l'omicidio di Yara Gambirasio. Il gip di Bergamo ha posticipato ancora l'archiviazione poiché vuole leggere quegli atti contenuti nel parallelo procedimento contro ignoti, e che porta alla "pista di Gorno".

Slitta per la terza volta l' archiviazione del procedimento nei confronti di Mohammed Fikri , che finora resta l'unico indagato per l'omicidio di Yara Gambirasio. Il Gip di Bergamo Ezia Maccora, prima di mettere la parola fine su questo capitolo, ha chiesto di poter visionare tutti quegli atti contenuti nel parallelo procedimento contro ignoti, e che porta alla "pista di Gorno", dove gli investigatori starebbero cercando un figlio illegittimo di un uomo morto nel 1999 e di cui nessuno ha mai saputo l'esistenza. Il pm Letizia Ruggeri, che ha chiesto l'archiviazione di Mohammed Fikri, dovrà quindi depositare tutta la documentazione relativa all'indagine, in maniera tale che il Gip possa avere un quadro completo della situazione, e capire se nel caso di Fikri non sia stato omesso nessun particolare. Per il momento, invece, il gip non ha accolto la richiesta dei legali della famiglia di Yara Gambirasio, che vorrebbero integrare il fascicolo con una nuova traduzione della frase pronunciata da Fikri e intercettata al telefono (e che ha portato al suo arresto) e con un dvd che conserva le immagini del ritrovamento del cadavere della giovane ginnasta nel campo di Chignolo d'Isola. La prossima udienza è stata fissata quindi per il prossimo 18 ottobre, ma il legale di Mohammed Fikri è convinto che stavolta niente posticiperà l'archiviazione attesa dal giovane marocchino da ormai 22 mesi.

© riproduzione riservata | online: | update: 05/10/2012

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Yara Gambirasio: Fikri ancora indagato. Gip vuole integrazione di atti
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Il sito utilizza cookie di 'terze parti', se prosegui la navigazione o chiudi il banner acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickquiCHIUDI