le notizie che fanno testo, dal 2010

Yara Gambirasio: DNA su slip è di un ceppo familiare maschile italiano

Aggiornamenti sul caso di Yara Gambirasio. Gli inquirenti avrebbero trovato un DNA, di un italiano, dal quale sarebbero riusciti a risalire ad un familiare di colui cha ha lasciato le tracce genetiche sugli slip e sui leggins della ragazzina.

"Gli inquirenti hanno individuato il DNA di un ceppo familiare maschile corrispondente al profilo genetico estratto dalle tracce sui leggins e sugli slip di Yara Gambirasio" come si legge sul sito di Chi l'ha visto? Nel corso dell'ultima puntata del programma condotto da Federica Sciarelli, infatti, vi è stato un aggiornamento in merito al caso di Yara Gambirasio, la 13enne scomparsa da Brembate di Sopra il 26 novembre del 2010 e ritrovata, uccisa, tre mesi dopo ad una decina di chilometri da dove viveva, in un campo semi abbandonato di Chignolo d'Isola. In questi ultimi mesi le indagini sull'omicidio di Yara Gambirasio erano continuate lontane dai riflettori delle telecamere, che si erano spente in mancanza di ulteriori novità. Gli inquirenti, da quanto si era appreso, stavano esaminando migliaia di DNA, nella spranza di trovare un riscontro con il codice genetico trovato su alcuni indumenti indossati da Yara Gambirasio il giorno della sua scomparsa. Un metodo di indagine forse simile alla ricerca del classico ago nel pagliaio, secondo alcuni, ma a quanto pare ci sarebbe almeno un indizio che potrebbe far sperare di essere sulla strada giusta. Da quanto sembra di capire, gli inquirenti avrebbero "in laboratorio" il DNA di un italiano, e sarebbero riusciti a risalire ad un familiare di colui che ha lasciato le tracce genetiche sugli indumenti della ragazzina. "Non si tratterebbe di un operaio del cantiere di Mapello ma, secondo indiscrezioni riferite nel corso della puntata di Chi l'ha visto?, si tratterebbe di un italiano - continua la nota della trasmissione - Il confronto è stato effettuato sulle migliaia di profili genetici acquisiti nel corso delle indagini".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: