le notizie che fanno testo, dal 2010

Yara Gambirasio: DNA rivela nome e cognome da cui partire. Ma servirà?

Non è una svolta, e forse neanche un inizio per arrivare all'assassino di Yara Gambirasio. E' solo un nome e un cognome di un uomo della zona della bergamasca, anche se i veri "indiziati" sono i suoi familiari, rei di avere un DNA con lo stesso ceppo genetico.

Parlare di svolta, a questo punto, non ha più senso, dopo che già altre volte l'indagine dull'omicidio di Yara Gambirasio si è arenata seguendo la pista di un codice genetico che non portava a nulla. Mappare circa 13mila persone che con il delitto della piccola ginnasta di 13 anni di Brembate di Sopra non centrano niente appare infatti, ormai da tempo, un metodo di indagine non troppo lungimirante, tanto che solo pochi giorni fa l'assessore regionale del Territorio e Urbanistica, il bergamasco Daniele Belotti, ha lanciato una petizione (http://is.gd/uVBUoR) per chiedere di sostituire il pubblico ministero Letizia Ruggeri con "un pm di provata esperienza e capacità".
In queste ultime ore sembra che tra le migliaia di DNA analizzati ve ne sia uno compatibile al 50 per cento con quello ritrovato sugli slip di Yara Gambirasio. Gli inquirenti, infatti, partono dal presupposto che quel DNA sia quello dell'assassino, di colui che l'ha rapita all'uscita del Palazzetto dello sport di Brembate il 26 novembre 2010 e poi lasciata, senza vita, in un campo semi abbandonato a 10 chilometi dal Paese, a Chignolo d'Isola, dove è stata ritrovata (per caso) tre mesi dopo la sparizione.
Il codice genetico sotto osservazione sarebbe quello di un uomo della zona della bergamasca, visto che si riusciti a risalire al suo nome e cognome (probabilmente si è offerto volontariamente al test del DNA che gli investigatori stanno portando avanti da mesi). L'indiziato però non è l'uomo, ma il suo ceppo genetico, tanto che ad essere sotto il mirino dei RIS sono ora i suoi familiari, anche se non è detto che alla fine si arrivi all'assassino. Pochi mesi fa tutta la famiglia di un ragazzo che frequantava la discoteca Sabbie Mobili di Chignolo d'Isola è stata infatti "censita" geneticamente, non arrivando però a niente, e sempre partendo dallo stesso presupposto. Il problema principale risiede nel fattoche il "famigerato" cromosoma Y che si sta cercando per individuare l'assassino di Yara Gambirasio potrebbe non essere mai trovato, visto che esistono tanti ceppi familiari che portano questa stessa "firma".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: