le notizie che fanno testo, dal 2010

Processo Bossetti: 3 luglio la prima udienza. Tra i testi anche Fikri e Enrico Tironi

Venerdì 3 luglio inizierà il processo più atteso dell'anno, quello contro Massimo Giuseppe Bossetti, accusato dell'omicidio di Yara Gambirasio. Molti i testi chiamati dall'accusa e dalla difesa, tra cui Mohamed Fikri e il suo datore di lavoro ma anche Ester Arzuffi ed Enrico Tironi, che disse di aver visto Yara Gambirasio con due uomini prima della scomparsa della ragazzina per poi ritrattare.

Venerdì 3 luglio inizierà il processo più atteso dell'anno, quello contro Massimo Giuseppe Bossetti, accusato dell'omicidio di Yara Gambirasio. Il Tribunale di Bergamo si prepara all'arrivo dei giornalisti, perché sono migliaia le richieste di accredito per seguire il processo con alla sbarra il muratore di Mapello, che per l'accusa è inchiodato dalla prova del suo DNA ritrovato sugli indumenti di Yara Gambirasio. Nonostante questo, Giuseppe Bossetti continua a dichiararsi innocente, sostenuto da un team di avvocati che hanno riscontrato finora più di un'anomalia nelle indagini, tra cui quella che non vede corrispondere il DNA cellulare dell'imputato con quello mitocondriale. Il dibattimento, che si svolgerà a porte aperte, si preannuncia quindi appassionate. Nella lista dei 120 testi che citati dal pubblico ministero c'è per esempio anche Ester Arzuffi, che per l'accusa avrebbe avuto una relazione clandestina con l'autista di Gorno che a sua volta sarebbe il vero padre di Massimo Bossetti. La donna, finora, ha sempre smentito tale ricostruzione dei fatti. La difesa del muratore cita invece Mohamed Fikri, il marocchino accusato dal 2010 al 2013 prima dell'omicidio di Yara Gambirasio e poi di favoreggiameto per una traduzione errata. Citato dalla difesa anche il datore di lavoro di Mohamed Fikri, Roberto Benozzo, probabilmente perché gli avvocati di Bossetti intendono rispolverare alcune tesi abbandonate dalla Procura. All'inizio delle indagini, infatti, tutte le piste, anche quelle seguite dai cani molecolari, portavano al cantiere di Mapello dove lavorava non Bossetti ma Fikri e Benozzo. La difesa vuole inoltre andare a fondo per cercare di capire se possono esserci attinenze tra i furgoni ripresi dalla immagini delle telecamere attorno alla palestra dove si allenava Yara Gambirasio e quello del cugino di Fikri imbarcato sulla nave per il Marocco quando il marocchino fu arrestato. Al banco dei testi per la difesa anche delle persone che nei giorni successivi alla scomparsa di Yara Gambirasio riferirono di aver visto due uomini insieme alla ragazzina, come per esempio disse il 19enne Enrico Tironi, che in seguito ritrattò.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: