le notizie che fanno testo, dal 2010

WikiLeaks spento: è la Prima Guerra Informatica Mondiale

WikiLeaks "spento" innesca la prima "seria guerra informatica" dove "il campo di battaglia è WikiLeaks". Ma è anche una guerra per la libertà di informazione e per la difesa dei valori del mondo "occidentale".

WikiLeaks.org spento. E non è colpa di nessuno. Tutti i responsabili dell'oscuramento progressivo del sito di Julian Assange, da chi ha "staccato" il sito a chi collaborava per la pubblicazione dei "grafici" dei cablogrammi (da amazon.com a Tableau Software per finire oggi con everydns.net) negano di avere delle responsabilità "politiche", o meglio dovute a pressioni del governo USA.
Di nessuno è la colpa, fatto sta che WikiLeaks.org, come "nome a dominio" non esite più. L'ultimo che ha staccato la spina al sito di Assange, everydns.net, afferma che è stata costretta a staccare la spina per dei massicci attacchi informatici che avrebbero potuto minare la sicurezza di "altri 500.000" siti.
Se davvero così fosse, qualsiasi semplice attacco cracker "cinese" alla rete (come già in passato sembra sia accaduto) avrebbe motivato un "distacco" di massa dei DNS, cosa che non è successa e che non è (probabilmente) possibile.
Fatto sta che WikiLeaks.org si è "spostata" (almeno come "nome a dominio") in Svizzera su WikiLeaks.ch ed esibisce, forse provocatoriamente, il nome a dominio http://213.251.145.96/. Qualsiasi cosa abbia pubblicato WikiLeaks non si può "spegnerla" per risolvere il problema, perché questo è un attentato alla democrazia e al diritto dei cittadini di sapere.
Ecco il perché politicamente, la responsabilità dello "spegnimento" non se la prenderà nessuno, ma saranno solamente "problemi tecnici", perché sarebbe la negazione dell'essenza dei Paesi occidentali, quella che campeggia nel nome di molti partiti, costituzioni e proclami e ci differenziava dal "blocco comunista": la libertà di espressione e di pensiero.
Molto interessante un tweet riportato in questi minuti proprio sulla pagina Twitter di WikiLeaks: "The first serious infowar is now engaged. The field of battle is WikiLeaks. You are the troops".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: