le notizie che fanno testo, dal 2010

WikiLeaks: nuovi documenti su Italia. Berlusconi si deve preoccupare?

Julian Assange, fondatore di WikiLeaks, rivela al TG3 che "nelle prossime settimane WikiLeaks pubblicherà una grande quantità di nuovi scottanti documenti sull'Italia" invitando "Berlusconi ed altri a prestare molta attenzione" tra vita privata e pubblica.

Oggi l'hacker, giornalista e fondatore di WikiLeaks Julian Assange affronterà il processo di estradizione in Svezia, dove è accusato di molestie sessuali. Ieri però Julian Assange rivela ai microfoni del TG3 che "nelle prossime settimane WikiLeaks pubblicherà una grande quantità di nuovi scottanti documenti sull'Italia". Un'anticipazione che stuzzica la curiosità di chi in questo periodo sta seguendo da vicino le vicende politiche, e non solo, del governo e in particolare del premier Silvio Berlusconi, indagato dalla Procura di Milano per concussione e prostituzione minorile a causa dell'ormai cosidetto Rubygate.
Julian Assange rivela che la nuova tornata di file sull'Italia riguarderà "economia, politica, casi di corruzione" ma il reporter del TG3 domanda ciò che qualunque telespettatore del telegiornale di Bianca Berlinguer avrebbe voluto chiedere: "Berlusconi dovrebbe preoccuparsi?".
Julian Assange, come sempre enigmatico, risponde solamente: "Credo che Berlusconi ed altri dovrebbero prestare molta attenzione a che la loro vita privata corrisponda a quella pubblica". Ma è un concetto che in Italia non sembra fare molta presa.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: