le notizie che fanno testo, dal 2010

WikiLeaks, negoziato tra Svezia ed Ecuador per interrogare Assange

I delegati dei governi di Svezia ed Ecuador, Paese che ha concesso l'asilo polico a Julian Assange, si sono riuniti a Stoccolma per definire un accordo di cooperazione bilaterale. L'obiettivo è fissare una data dell'interrogatorio che dovrà però svolgersi presso l'ambasciata dell'Ecuador, per permettere al fondatore di WikiLeaks di far cadere ogni accusa che gli è stata mossa.

Un paio di settimane fa la Svezia ha annunciato che erano cadute in prescrizione le accuse di molestia sessuale e coercizione illegale risalenti al 2010 rivolte a Julian Assange. Il fondatore di WikiLeaks dovrà invece ancora affrontare la più grave delle accuse mosse contro di lui, quella di stupro o meglio "sesso a sopresa". La Procura svedese precisa infatti che tale reato andrà in prescrizione solo il 17 agosto 2020, e che fino a tale data proseguiranno le indagini. Assange, dopo la notizia della prescrizione, si era detto "deluso" per il fatto che la Svezia non gli avesse permesso di difendersi da tali accuse. Per questo motivo oggi i delegati dei governi di Svezia ed Ecuador, Paese che ha concesso l'asilo polico ad Assange, si sono riuniti a Stoccolma per definire un accordo di cooperazione bilaterale "l'unica opzione legale praticabile" per il caso. L'attivista e giornalista australiano, infatti, è costretto ormai da tre anni a vivere all'interno dell'ambasciata dell'Ecuador a Londra, per il timore che dalla Svezia possa venir estradato negli Stati Uniti, dove Julian Assange rischia un processo militare (e la pena di morte) per aver pubblicato migliaia di cablo segreti stelle e strisce. L'obiettivo dei negoziati in corso a Stoccolma è quello di fissare una data dell'interrogatorio, che dovrà svolgersi però presso l'ambasciata dell'Ecuador. Julian Assange potrebbe infatti riconquistare la propria libertà solo se la procura svedese farà cadere ogni accusa. Ma senza interrogatorio, le indagini preliminari non possono proseguire.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: