le notizie che fanno testo, dal 2010

WikiLeaks, caso Marraccino: dubbi sulla morte del sergente

Nuove rivelazioni dai 400mila documenti pubblicati da WikiLeaks in questi giorni. Questa volta ad essere messo in dubbio è la versione ufficiale della morte del sergente italiano Salvatore Marracino, che potrebbe non essere avvenuta accidentalmente.

Non sarebbe morto per un errore il sergente Salvatore Marracino ma "fu colpito accidentalmente" da fuoco amico, come riporta uno dei 400mila documenti pubblicati in questi giorni da WikiLeaks.
Secondo WikiLeaks "alle ore 13.00, un (militare italiano) stava prendendo parte ad un'esercitazione di tiro a Nassiriya. E' stato accidentalmente colpito alla testa. E' stato trasferito all'ospedale in Camp (Mittica) e classificato come incidente. E' stato trasferito all'Ospedale navale di (Kuwait City). E' morto alle 16.45 circa". Il documento è datato 15 marzo 2005 e quindi, in teoria, smentirebbe la versione ufficiale data allora, e cioé che il sergente Marracino si sparò da solo perché la sua arma era inceppata. Un errore dunque, anche se fatale. Contattati dall'Adnkronos, l'avvocato della famiglia Marraccino afferma che "l'unica versione a cui la famiglia crede, e io con loro, è quella dell'incidente". "Non crediamo a questa nuova versione" aggiunge l'avvocato Mauro Valente, spiegando che "anche all'epoca furono prese in esame una serie di ipotesi ma poi furono scartate a favore di quella ufficiale" e concludendo che per Marraccino l'esercito "era la sua famiglia".

© riproduzione riservata | online: | update: 25/10/2010

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

argomenti correlati:
esercito famiglia incidente WikiLeaks
social foto
WikiLeaks, caso Marraccino: dubbi sulla morte del sergente
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI