le notizie che fanno testo, dal 2010

WikiLeaks: avvocati Julian Assange si appellano a Corte suprema Svezia

Gli avvocati di Julian Assange si sono appellati alla Corte suprema della Svezia per tentare di far revocare il mandato di arresto emesso dalla procura svedese nei confronti del fondatore di WikiLeaks.

Gli avvocati di Julian Assange si sono appellati alla Corte suprema della Svezia per tentare di far revocare il mandato di arresto emesso dalla procura svedese nei confronti del fondatore di WikiLeaks. Julian Assange dal 2010 è accusato in Svezia del reato di "sex crime". I legali vogliono persuadere i giudici svedesi che il fatto che Assange non possa lasciare l'ambasciata dell'Ecuador senza paura di essere arrestato è una situazione "irragionevole e sproporzionata" al caso. Dal 2012 Julian Assange è costretto nell'ambasciata dell'Ecuador (che gli ha concesso l'asilo politico) a Londra per il timore che, una volta estradato in Svezia per essere interrogato in merito a tale accusa possa, a sua volta, essere "spedito" negli Stati Uniti, dove rischierebbe di finire processato per la pubblicazione di alcuni documenti militari classificati. Il fondatore di WikiLeaks non ha mai voluto sottrarsi all'interrogatorio dei pm svedesi, ma ha chiesto però di essere ascoltato a Londra oppure in videoconferenza.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: