le notizie che fanno testo, dal 2010

Mosca, attivista in bikini a -18: il freddo non è terribile, Putin sì

"Il 4 febbraio alle 12 a piazza Kaluzhskaja - Il freddo non è terribile" recita il cartello esposto dall'attivista Nastia Karimova, che per promuovere la manifestazione anti Vladimir Putin non si è fatta impaurire nemmeno dal gelo polare.

In Russia le proteste contro Puntin continuano. La dinamica organizzativa sembra essere quella che ha portato alla Primavera araba in Tunisia e in Egitto, visto che le manifestazioni vengono coordinate principalmente via social network. Dopo canzoni satiriche contro Vladimir Putin postate su Youtube e proteste in macchina, dove gli attivisti de la "Lega degli elettori" si è data appuntamento in auto per occupare l'Anello dei giardini (Sadovoe Kolzo), con tanto di adesivi e palloncini bianchi (è questo il colore della rivoluzione russa) e caricature di Putin fissate sui cofani delle vetture, non poteva mancare una protesta un po' più "audace". La giovane attivista Nastia Karimova ha infatti deciso di sfidare non solo il potere accentratore di Putin ma anche il gelo, mettendosi in bikini con tanto di occhiali da sole per invitare tutti i cittadini di Mosca (ma le foto avranno fatto sicuramente il giro di tutta la Russia) a partecipare alla manifestazione indetta il 4 febbraio, ad un mese esatto dalle presidenziali. Con indosso solo un bikini color azzuro (foto http://is.gd/L9S9iw), infatti, l'attivsta Nastia Karimova espone un cartello (in russo) che più o meno dovrebbe tradursi così: "Il 4 febbraio alle 12 a piazza Kaluzhskaja - Il freddo non è terribile". Non sono infatti le temperature polari (meno 18 gradi con previsioni per sabato di anche meno 30 gradi) ad impaurire molti cittadini russi, ma bensì la prospettiva che Putin venga eletto per la terza volta capo del Cremlino.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: