le notizie che fanno testo, dal 2010

G20 Australia 2014, Obama: Russia di Putin è una minaccia per il mondo

Prosegue tra le tensioni il vertice dei G20 a Brisbane, in Australia, che si svolgerà il 15 e 16 novembre 2014. Nonostante i richiami di Mikhail Gorbaciov ai leader occidentali, sembra che Vladimir Putin sia stato isolato durante il vertice, con Barack Obama che accusa: "La Russia è una minaccia per il mondo, come abbiamo visto nel terribile all'abbattimento dell'aereo della Malaysia Airlines MH17".

Prosegue tra le tensioni il vertice dei G20 a Brisbane, in Australia, che si svolgerà il 15 e 16 novembre 2014. Nonostante anche Mikhail Gorbaciov, ex presidente dell'URSS, abbia invitato i leader occidentali a disinnescare le tensioni nei confronti della Russia poiché sembra essere tornati in piena Guerra Fredda, al G20 il presidente russo Vladimir Putin è stato isolato persino durante la consueta foto di gruppo, posizionato alle estremità di tutti i partecipanti al vertice australiano. Pare infatti che non stia correndo buon sangue tra i leader occidentali e Vladimir Putin. Barack Obama ha affermato che gli Stati Uniti sono in prima linea contro l'aggressione della Russia in Ucraina, mentre il Consiglio europeo ha chiesto a Mosca di ritirare truppe e armi dalla vicina nazione e di fare pressione sui ribelli affinché accettino un cessate il fuoco. Nonostante le indagini siano ancora in corso per l'accertamento delle responsabilità, Obama ha anche sostenuto: "La Russia è una minaccia per il mondo, come abbiamo visto nel terribile all'abbattimento dell'aereo della Malaysia Airlines MH17". Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha invece rivelato, come anticipato già dall'Alto rappresentante per la politica estera europea Federica Mogherini, che l'UE sta prendendo in considerazione l'applicazione di ulteriori sanzioni finanziarie nei confronti di altri individui russi a causa della crisi in Ucraina. Vladimir Putin è stato isolato anche durante la consueta foto di gruppo, posizionato all'estremità di tutti i partecipanti al G20 d'Australia. Dopo alcuni colloqui, tra cui quello con Matteo Renzi, Francois Hollande e David Cameron, sembrava che Vladimir Putin avesse lasciato in anticipo il vertice del G20 a causa "delle pressioni subite sull'Ucraina". Il portavoce del Cremlino, però, definisce queste ricostruzioni come una "vera sciocchezza".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: