le notizie che fanno testo, dal 2010

Catania-Roma, Montella: verdetto pesantissimo? Guardando classifica sì

La Roma esce sconfitta da Catania, ma soprattutto esce sconfitta da questo campionato. E' così che si può riassumere per i giallorossi la penultima giornata di Serie A. "Per la Roma è un verdetto pesantissimo? Sicuramente guardando la classifica è così" spiega Montella.

La Roma esce sconfitta da Catania, ma soprattutto esce sconfitta da questo campionato. E' così che si può riassumere per i giallorossi la penultima giornata di Serie A. In una cornice di pubblico che ha visto uno stadio pieno di bandiere rossoblu e appena 30 tifosi romanisti, la squadra di Vincenzo Montella è sembrata in debito con la sfortuna, visti i numerosi indisponibili e l'uscita dal campo di Juan appena dopo 3 minuti per infortunio. Quando però è proprio il nuovo entrato Simone Loria a sbloccare il risultato con un colpo di testa, il vento (tra l'altro fastidiosissimo al Massimino) è sembrato tirare finalmente nel verso giusto per Totti e compagni. Ma la squadra è visibilmente lenta e prevedibile, anche a causa della presenza in campo di alcuni giocatori non al meglio della condizione (tra i quali Marco Borriello reduce da influenza). E così è il Catania a fare la partita fino ad agguantare il pareggio nel secondo tempo e la vittoria al 95'. "Per la Roma è un verdetto pesantissimo? Sicuramente guardando la classifica è così, - ha commentato l'allenatore Montella - però noi oggi, non per giustificare la squadra, siamo venuti qui tra mille difficoltà. Squalificati, infortunati, tre cambi che ho dovuto fare, Borriello che aveva avuto la febbre, Greco che si è infortunato, Pizarro, Cassetti che zoppicava, Rosi che è dovuto rimanere in campo per forza, Simplicio che era stanchissimo. Se avessi potuto mi sarei messo la tuta io". Qualora la Roma non avesse raggiunto la qualificazione in Champions League, già si era parlato della fine di un ciclo. Cosa che Montella non intende prendere in considerazione così facilmente. "Bisogna essere lucidi per analizzare le cose - ha risposto a riguardo il tecnico - se Mexes si fa il crociato e Brighi si frattura il perone, se Greco riporta una distorsione al ginocchio e Vucinic ha una ciste questo non vuol dire siamo alla fine di un ciclo: le valutazioni vanno fatte in maniera lucida e globale". Si è parlato anche di un possibile futuro di Montella alla Sampdoria (sua ex squadra da calciatore), domenica 15 retrocessa in serie B. "Che ci sia affetto verso la Sampdoria non lo posso negare - ha confessato il tecnico -, ma da allenatore non sono mai stato contattato. Quindi sono solo discorsi".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: