le notizie che fanno testo, dal 2010

Verdi denunciano Castelli e Speroni. "E' istigazione all'omicidio"

Le affermazioni sugli immigrati di Roberto Castelli e Francesco Speroni sconcertano gran parte del mondo politico. I Verdi decidono di presentare contro i due esponenti leghisti un esposto alla Procura della Repubblica.

Angelo Bonelli, leader dei Verdi è durissimo nel commentare le affermazioni sconcertanti di Roberto Castelli e Francesco Speroni contro gli immigrati: "Parole gravissime e irresponsabili - afferma il presidente ecologista - un'istigazione all'omicidio rispetto a persone che fuggono da fame miseria e dalla guerra". Da qui la decisione dei Verdi di presentare contro i due esponenti leghisti un esposto alla Procura della Repubblica. Le parole di Castelli e Speroni su come "affrontare" l'emergenza immigrati hanno scosso molti cittadini italiani e le forze politiche che ancora ritengono inaccettabili certe affermazioni che ricordano tempi molto cupi della nostra storia. Il comunicato dei Verdi riporta le affermazioni dei due leghisti: "Mentre il viceministro del governo Berlusconi si era rammaricato per il fatto che 'per ora, non è possibile usare le armi con gli immigrati' il suo collega leghista ed eurodeputato Speroni ha rincarato la dose dichiarando ai microfoni di Radio 24: 'molto spesso quando i nostri pescherecci, disarmati, si avvicinano alle coste della Tunisia vengono mitragliati. Usiamo lo stesso metodo' con gli immigrati perché 'se uno invade le acque territoriali di un Paese sovrano è lecito usare le armi e a questo punto vanno usati tutti i mezzi per respingerli'". Ma i Verdi sottolineano che "il top", ovvero il "vero tocco di classe" dell'eurodeputato del Carroccio è stata l'affermazione: "Hitler ha sbagliato tutto: se fosse vissuto nei giorni nostri avrebbe mandato dei tedeschi coi barconi a invadere il mondo e nessuno avrebbe potuto fermarli perché 'beh, ci sono le ragioni umanitarie'".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: