le notizie che fanno testo, dal 2010

Vasco Rossi: matrimonio con Laura? Sconfitte le nostre convinzioni

Vasco Rossi si sposa sabato 7 luglio con la storica compagna Laura Schmidt, anche se per la coppia il matrimonio è "una nuova sconfitta per le nostre convinzioni".

Vasco Rossi si sposa domani, e come suo solito mette i puntini sulle "i" direttamente da Facebook.
Vasco Rossi infatti dice di aver "sempre considerato il matrimonio come una ben triste condizione di vita. Obbligati a vivere insieme per sempre e per forza quando solo essere liberi di andarsene ogni giorno può dimostrarci la sincerità di un rapporto".
Ma allora perché si sposa? Perché dopo 25 anni di convivenza si è reso conto che "per dare a Laura (Schmidt, ndr) gli stessi diritti dei miei tre figli" bisogna perlomeno stipulare un contratto.
Ed infatti un "contratto di matrimonio civile" è quello che contrarrà Vasco Rossi, anche se non è un "atto puramente tecnico" come aggiunge lo stesso rocker di Zocca, visto che il "concetto di matrimonio è legato a quello di famiglia" perché per la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo "la famiglia è il nucleo naturale e fondamentale della società e ha diritto ad essere protetta dalla società e dallo Stato".
Nel rito civile del matrimonio, infatti, gli sposi devono accettare di rispettare tre articoli del Codice Civile:
- art. 143: Con il matrimonio il marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri.
Dal matrimonio deriva l'obbligo reciproco alla fedeltà, all'assistenza morale e materiale, alla collaborazione nell'interesse della famiglia e alla coabitazione. Entrambi i coniugi sono tenuti, ciascuno in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro professionale o casalingo, a contribuire ai bisogni della famiglia
- art 144: Indirizzo della vita familiare e residenza della famiglia
- 147: Il matrimonio impone ad ambedue i coniugi l'obbligo di mantenere, istruire ed educare la prole tenendo conto delle capacità, dell'inclinazione naturale e delle aspirazioni dei figli.
Per Vasco Rossi e Laura Schmidt , invece, il matrimonio sarà "una nuova sconfitta per le nostre convinzioni", scrive ancora il rocker di Zocca su Facebook, forse perché avrebbe preferito una "unione civile".
"Ma - non manca di sottolineare Vasco Rossi - in questo paese le leggi sono poco chiare, sempre confuse e interpretabili non si sa mai cosa può accadere...e comunque non sono regolamentate chiaramente le coppie di fatto perché al vaticano non sono simpatiche e anche ai nostri politici non piacciono tutte queste novità".
Forse a Vasco Rossi sarebbe quindi piaciuto di più sottoscrivere un "PACS" alla francese od un "Eingetragene Lebenspartnerschaft" alla tedesca.
In entrambi i casi, però, il rocker non avrebbe potuto evitare la sottoscrizione di un contratto e la promessa a condurre, per esempio, "una convivenza a vita".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: