le notizie che fanno testo, dal 2010

Vasco Rossi: "I soliti" a Venezia. Poi La Scala e concerto a giugno

Vasco Rossi continua a "comunicare" su Facebook e annuncia tutti i suoi prossimi impegni, che dimostreranno come non sia affatto "bollito o in crisi creativa". E a giugno un "concerto straordinario".

Non ci sta Vasco Rossi a passare da "bollito o in crisi creativa" e così ancora da Facebook annuncia tutto quello che il rocker di Zocca ha in programma per il prossimo anno. Nessun "attività da rockstar" naturalmente, ma come lo stesso Vasco aveva scritto in qualche post precedente, la "sostanza" sembra rimanere sempre la stessa. E così, come promesso, ecco che anticipa l'uscita dell'inedito "I soliti", che farà parte del docu-film che sarà presentato a settembre al Festival del Cinema di Venezia, dove come promesso interverrà anche il Blasco (anche se qualcuno ironizza già che magari farà solo una incursione tramite webcam). Vasco come l'araba fenice risorge dalle sue ceneri, spiega lui stesso, ed elenca tutti gli impegni che lo assorbiranno nei prossimi mesi. Intanto, annuncia che l'11 agosto alle 23.30 su Rai 1 andrà in onda il video poesia "L'Ape Regina" recitata da Vasco Rossi ma scritta dal figlio Luca, già presentato al Magna Graecia Film Festival 2011. Nel frattempo con Gaetano Curreri ha terminato di scrivere una canzone per la Mannoia (La Luna), che "farà parte el suo prossimo album che dovrebbe uscire a gennaio", mentre con Stefano Salvati continua a "lavorare alla stesura del 'Libretto' e alla drammaturgia dello spettacolo di danza classica 'L'Altra metà del cielo' ". Vasco Rossi infatti approderà (con le sue canzoni naturalmente, arrangiate con Celso Valli) il 31 marzo 2012 a La Scala, con un Balletto messo in scena dalla newyorchese Martha Clarke. Ma la "nuova era" di Vasco pare che inizierà a giugno, con un altro concerto "sperimentale", grazie a "nuovi modi espressivi, utilizzando le possibilità offerte dalle nuove tecnologie e nuovi sistemi più adatti ai tempi nuovi". Il Komandante spiega infatti che nonostante gli inviti a smetterla, continuerà invece ad usare Facebook, perché "oggi la fruizione della musica è diventata fluida e prevede l'uso di internet".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: