le notizie che fanno testo, dal 2010

Linus: Vasco Rossi rosica di Ligabue? No, ha solo "un forte disagio"

Vasco Rossi continua a postare opinioni e "clippini" su Facebook, e la sua stotica portavace assicura che il Blasco "conosce il mezzo che usa, lo ha studiato e sposato", mentre Dj Linus pensa che Vasco "in questo momento non sta bene".

Vasco Rossi continua imperterrito a pubblicare su Facebook nutrendo il gossip estivo e alimentando illustri commentatori, molti dei quali invitano il rocker di Zocca a "smetterla". E mentre Vasco parla direttamente al suo pubblico senza intermediazioni, la sua storica portavoce Tania Sachs, che forse qualcuno ipotizza già che presto rimarrà senza lavoro, precisa in un lungo articolo che invece "Lui corre ..è avanti un bel po' avanti e io sono felice di stargli dietro..". Tania Sachs si domanda (e domanda) perché mai Vasco Rossi "dovrebbe essere fermato", spiegando che in realtà il Blasco dimostrerebbe di saper usare il social network "Alla graande!". "Vasco conosce il mezzo che usa, lo ha studiato e sposato" assicura la sua portavoce, ricordando: "Nel 2007 è stato il primo a usare il web per pubblicare virtualmente una sua canzone, si intitolava 'Basta poco' - e ancora - usa un nuovo mezzo di comunicazione, il 'suo' e..mette scompiglio nel mondo della informazione ufficiale, tradizionale...", concludendo che "la tecnologia Vasco la studia prima e poi la usa come si deve usare. Sulla sua pagina di Facebook parla, discute 'tra amici', non intende 'bacchettare' nessuno..Esprime le sue opinioni, lancia messaggi sulla sua pagina..dov'è il problema? è a casa sua..". Il problema nasce in realtà quando Vasco scrive che Ligabue, a suo giudizio, è "un bicchiere di talento in un mare di presunzione", oltrettutto dopo che il 10 aprile scorso sulla sua pagina di Facebook era apparso questo altro post: "Caro Liga, quando avrai scritto anche tu quasi duecento canzoni e avrai pubblicato 16 album inediti potrai essere messo sul mio stesso piano. Devi mangiare ancora un po' di polenta prima di poterti confrontare con me". Allora Tania Sachs non aveva smentito la paternità della frase, precisando solamente con un "secondo noi non è stato scritto da Vasco", parlando genericamente di uno scherzo. In entrambi i casi Ligabue non raccoglie le provocazioni, mentre la stampa comincia ad evidenziare che forse quella del Blasco comincia a diventare un'arma a doppio taglio, tanto che sulla Gazzetta esce anche una intervista a Linus (Pasquale Di Molfetta) dal titolo: "Vasco è invidioso e rosica". Linus è un vecchio amico di Vasco Rossi e lo conosce bene, tanto che in una vecchia intervista a "La Repubblica" del 2005 il Dj rivelava che il segreto del successo del rocker stava proprio nel fatto che "non è cambiato molto nel suo modo di porsi da quando era uno sconosciuto ad oggi (...) Sarebbe uguale se vendesse 10.000 copie di dischi invece che un milione". Questa "presa di distanza" sembra quindi sconcertare anche Tania Sachs, che sul sito ufficiale del Komandante risponde seccamente: "Linus non credo proprio che Vasco rosichi... non ne ha proprio bisogno. Piuttosto il contrario: se non ci fosse stato Vasco nel 1990 a rischiare e a sfidare gli stranieri con il primo San Siro dove sarebbero oggi i Ligabue, Antonacci, i Negramaro? ..e tutti quelli che appena riempiono uno spazio si credono già in cima alla montagna??" aggiungendo non solo che in effetti Ligabue "ne deve mangiare ancora di polenta..che gli piaccia o meno" ma che "in fondo Vasco ha espresso un giudizio suo ma che molti amici e molti giornalisti ..condividono...ahah..un bicchiere di talento in un mare di vanità..ma non lo possono dire!". Da dove derivi questa rivalità con il rocker di Correggio non è ancora chiaro, visto che "sono più di 20 anni che Vasco monopolizza le classifiche delle vendite" come la sua portavoce ci tiene a precisare in mezzo a tanti altri "numeri" sul sito del rocker (http://is.gd/Nie3QJ). Nel frattempo Linus dal suo blog (http://is.gd/mpQfgG) chiede "scusa a Vasco", spiegando che la giornalista della Gazzetta che lo ha intervistato avrebbe fatto "cattivo giornalismo" e che lui in realtà avrebbe solo detto che non voleva mettersi "in mezzo e soprattutto che è evidente che Vasco in questo momento non sta bene", aggiungendo che "solo una persona con un forte disagio pubblica una serie di dichiarazioni come le sue di queste periodo e bene fa Ligabue a non rinfocolare la polemica". Ma forse Linus non sapeva che "la tecnologia Vasco la studia prima e poi la usa come si deve usare".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: