le notizie che fanno testo, dal 2010

Test medicina: UDU fa ricorso per la "grattachecca" e non solo

Incominciano i ricorsi per i test d'entrata alle facoltà "a numero chiuso", e non solo per una vita "decisa" da una risposta sbagliata sulla "grattachecca di Sora Maria" o sul "completamento di una frase che Vasco Rossi ha postato su Facebook". Ci sono anche altri fatti sconcertanti.

L'UDU, Unione degli Universitari ha deciso di presentare ricorsi per le "irregolarità riscontrate durante i test d'ingresso di quest'anno per accedere alle facoltà a numero chiuso". La pietra dello scandalo, quella che ha smosso le acque, è naturalmente rappresentata dall'"affaire grattachecca" che dal suo sito, l'Unione degli Universitari, stigmatizzava con queste parole: "E' inammissibile - dichiara il coordinatore nazionale dell'UDU Michele Orezzi - che gli studenti debbano rispondere a domande di questo genere per entrare nel mondo universitario. Abbiamo sempre sostenuto l'inutilità di questo test sia come metodo di selezione degli studenti, sia per la fallibilità dei quesiti in se. La domanda di quest'anno sui gusti dei gelati di una specifica gelateria è l'emblema di come questo sistema sia di fatto lontano dalla selezione assennata che comunque secondo noi è ampiamente evitabile: non vogliamo essere valutati all'ingresso, vogliamo un'Università che ci giudichi in itinere. Ma questa volta non ci fermiamo: faremo ricorso!". Ed ora il ricorso, tramite il legale dell'UDU Avv. Michele Bonetti arriva "per tutelare nell'immediato gli esclusi e per spingere il Ministero ad accogliere le nostre proposte". Per ora saranno cinque i casi per cui l'Udu sembra aver deciso di sostenere davanti al Tar per difendere i diritti degli studenti. "Dopo la scandalosa vicenda della 'grattachecca' nella prova di professioni sanitarie della Sapienza di Roma, - si legge in una nota dell'UDU - ci si ritrova davanti una domanda che prevede il completamento di una frase che Vasco Rossi ha postato su facebook. A Brescia, nel test per professioni sanitarie, sono state annullate nel corso della prova stessa ben 4 domande a causa di un errore di impaginazione e cio' ha comportato per i candidati una graduatoria non piu' in 80esimi ma in 76esimi. Per il test d'ingresso in medicina alla Sapienza di Roma non sono state rispettate tutte le norme per permettere ad un disabile di sostenere il test in maniera idonea, soprattutto rispetto al suo disturbo".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: