le notizie che fanno testo, dal 2010

Test ammissione aprile 2014, UDU: 20% posti in meno. Verso maxi ricorso

Il MIUR ha emanato il decreto che fissa i test di ammissione di Medicina e Chirurgia, Odontoiatria, Medicina Veterinaria, e Architettura ad aprile 2014. L'UDU (Unione degli universitari) e la Rete degli studenti Medi promettono un maxi ricorso anche perché af oggi il MIUR prevede "il 20% dei posti in meno rispetto allo scorso anno".

Il MIUR ha emanato il decreto che fissa i test di ammissione di Medicina e Chirurgia, Odontoiatria, Medicina Veterinaria, e Architettura ad aprile 2014. Il MIUR specifica che l'anticipo dei test di ammissione per l'Università ad aprile 2014 è stato "per allineare l'Italia alla prassi di altri paesi, con il doppio scopo di favorire l'ingresso di studenti stranieri e di consentire il tempestivo avvio dei corsi sin dall'inizio dell'anno accademico", aggiungendo che "l'anticipazione consente inoltre a chi non dovesse superare le prove di valutare attentamente una scelta alternativa". Non dello stesso avviso sono però i rappresentanti degli studenti, sia universitari che medi superiori. Per l'UDU (Unione degli universitari) l'anticipazione dei test di ammissione ad aprile 2014, infatti, rappresenta "l'assurda negazione del diritto allo studio provocato da questo sistema fortemente iniquo che anche quest'anno colpirà migliaia di studenti". Daniele Lanni, portavoce della Rete degli studenti Medi dichiara che "anziché ridiscutere il sistema, si è riusciti quest'anno a peggiorarlo, anticipando i test ad aprile e quindi compromettendo il percorso formativo di migliaia di studenti medi". Anche Gianluca Scuccimarra, coordinatore nazionale dell'UDU, sottolinea che "invece di aprire il sistema il ministro invia agli studenti un messaggio distruttivo: prevedere (ad oggi) il 20% dei posti in meno rispetto allo scorso anno". Per questo motivo "se non ci sarà un passo indietro immediato, siamo pronti a impugnare il decreto stesso d'indizione del test di aprile 2014" promette la Rete degli studenti Medi. "Un ricorso per eliminare questa nuova e ulteriore chiusura durante l'anno scolastico quando i ragazzi sono ancora sui banchi di scuola" chiarisce quindi il coordinatore dell'UDU con il legale dei due sindacati studenteschi che avvisa: "Alzeremo le barricate dei ricorsi, un maxi ricorso per l'UDU e la RETE dove studenti del liceo e universitari diranno no al numero chiuso, impugnando e bloccando il decreto Carrozza prima del test di aprile 2014". Scuccimarra quindi ricorda come il ministro Carrozza persevera in questa politica dei test "nonostante le centinaia di ricorsi" che l'UDU "ha già vinto e continua a portare avanti, e che hanno inconfutabilmente dimostrato tutte le falle di un sistema che ha lo scopo di garantire gli interessi degli ordini professionali, a scapito del diritto allo studio".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: