le notizie che fanno testo, dal 2010

Test Sapienza: quiz su grattachecca. Ma perché proprio di Sora Maria?

Nel test di ammissione per il corso di "Professioni sanitarie" della Sapienza, ormai è cosa nota, è "finita" anche una domanda sui gusti delle grattachecche. Ma perché proprio quelle di Sora Maria?

Nel test di ammissione per il corso di "Professioni sanitarie" della Sapienza, ormai è cosa nota, è "finita" anche una domanda sui gusti delle grattachecche, che come spiega anche Wikipedia "è un alimento rinfrescante tipico della città di Roma" che si differenzia dalle meglio conosciute, in tutta Italia, granite. Il primo problema, per chi ritiene sia "inamissibile" una domanda del genere in un quiz universitario che decide sul destino, anche lavorativo, di un giovane, è che non tutti gli studenti che hanno affrontato il test erano tenuti a sapere cosa fosse una grattachecca, visto che non era un corso di laurea per diventare ristoratori. "Come si può pensare - si chiede infatti l'Udu (Unione degli universitari) - che per accedere alla formazione di una professione sanitaria si debbano sapere le specialità di un chiosco romano?". La risposta sembra darla il rettore de "La Sapienza" di Roma, Luigi Frati, che intervistato da La Repubblica (http://is.gd/QPWuwd) afferma: "La grattachecca sta nell'enunciato. Siccome la grattachecca si dice che è la granita di ghiaccio, e la granita anche un coglione (sic) sa cos'è, se poi non lo sai allora vivi fuori dal mondo". Frati continua spiegando ancora: "Non c'è una domanda sulla grattachecca e sulla Sora Maria, ma sui sapori della grattachecca che è un'altra cosa". Ma perché un infermiere o un fisioterapista devono sapere che gusti ci sono nella grattachecca?, domanda il giornalista. "No - risponde Luigi Frati - deve saper ragionare, che è una cosa diversa. La grattachecca che cos'è? Una granita fatta di una cosa acquosa. Bene. Allora lei su una cosa acquosa cosa può mischiare? Sciroppo acquoso. Poi che cosa ci metto, suppongo in un altro: ci metto la cioccolata, la nutella o la benzina? Qual è la logica?". La logica, nel test proposto da Frati, probabilmente farebbe rispondere "cioccolata". Eppure, stando alla domanda riportata su tutti i media, il quiz d'ingresso universitario recitava: "Nei pressi del noto Liceo Tacito di Roma si trova la 'grattachecca di Sora Maria', molto nota tra i giovani romani. Sapresti indicare quali sono i gusti tipici serviti? Menta, limone, amarena, cioccolato...". Evidentemente in questo caso la risposta sbagliata è proprio cioccolato, lo stesso alimento che invece nel quiz del rettore sarebbe stato indicato come giusto. E infatti, sottolineano in molti anche in rete, dove è scoppiato un vero e proprio tam tam di battute e indignazione, chi vieta di degustare una "grattachecca al cioccolato"? Oltretutto, il quiz non elenca gli ingredienti originali della famosa ricetta della Sora Maria, che dovrebbe essere "amarena, tamarindo, arancio, con pezzetti di cocco e limone". E mentre per l'Udu e il Codacons questa è "la prova del nove che conferma la necessità di eliminare i test di ammissione", qualche altro si pone anche un'ulteriore domanda, che forse dimostra anche il "fine ragionamento" di questi aspiranti inferimeri e fisioterapisti, che poi era lo scopo ultimo della domanda del quiz, quello appunto di "saper ragionare" come afferma lo stesso Frati. Su vari social network e blog, infatti, in molti si domandano, tra le altre cose, perché l'università La Sapienza abbia fatto una domanda così "specifica". Non bastava, al massimo, ci si chiede su internet, parlare di generiche "grattachecce" e non di quella specifica di Sora Maria, che indica solo il chioschetto sulla via Trionfale. Oltretutto la domanda non sembra che riguardasse la ricetta originale del rinfrescante alimento. Per descrivere una pizza margherita, fa notare infatti qualcuno, non è necessario "pubblicizzare" la pizzeria "Tal dei tali", per esempio.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: