le notizie che fanno testo, dal 2010

Riforma contro teleselling selvaggio: no a ricatto occupazionale, dice Unc

L'Unione nazionale consumatori riflette sulla riforma del teleselling.

"Basta con il solito ricatto occupazionale. Chi fa bene il suo mestiere potrà continuare tranquillamente a lavorare. L'unica violazione della privacy è quella di chi fa telefonate moleste a casa delle persone che non vogliono riceverle. Per questo urge una riforma contro il teleselling selvaggio", dichiara in una nota Massimiliano Dona, presidente dell'Unione nazionale consumatori.

Nel corso di una audizione davanti alla Commissione Lavori Pubblici del Senato Assocall, l'associazione che raccoglie i contact center aderenti a Confcommercio, si è infatti "detta contraria all'inserimento dei numeri non contenuti negli elenchi nel Registro delle opposizioni, sia perché, a loro dire, sarebbe in contrasto con la normativa sulla privacy sia perché si ripercuoterebbe inevitabilmente sull'occupazione", riferisce l'associazione.

"E' assurdo che su 115 milioni di linee telefoniche, tra fisse e mobili, solo 13 milioni, l'11,3%, ossia quelle negli elenchi telefonici, possano iscriversi al Registro delle opposizioni", chiarisce però Dona.

© riproduzione riservata | online: | update: 15/02/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Riforma contro teleselling selvaggio: no a ricatto occupazionale, dice Unc
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI