le notizie che fanno testo, dal 2010

Unione Inquilini scrive a Manconi (PD) e alla Commissione Diritti Umani

L'Unione Inquilini scrive una lettera al senatore PD Luigi Manconi, presidente della Commissione Diritti Umani, e a tutti i componenti della Commissione richiedendo "una audizione in merito alla applicazione dell'articolo 11 del Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali, recepito dall'Italia con la legge 881/1977, nonché della Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, che recano il diritto all'abitazione in relazione alle esecuzioni di sfratti di soggetti sociali in disagio abitativo o in presenza di minori, anziani e persone disabili".

L'Unione Inquilini scrive una lettera al senatore PD Luigi Manconi, presidente della Commissione Diritti Umani, e a tutti i componenti della Commissione richiedendo "una audizione in merito alla applicazione dell'articolo 11 del Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali, recepito dall'Italia con la legge 881/1977, nonché della Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, che recano il diritto all'abitazione in relazione alle esecuzioni di sfratti di soggetti sociali in disagio abitativo o in presenza di minori, anziani e persone disabili" come si legge in una nota stampa.
L'Unione Inquilini ricorda infatti: "In Italia ogni anno sono emesse circa 70.000 sentenze di sfratto. Di queste circa 65.000 sono motivate da morosità incolpevole (ovvero derivante da riduzione di reddito a seguito di perdita di lavoro o altre motivazioni a carattere lavorativo o per sostenere cure di patologie gravi). In Italia nel solo 2014 gli ufficiali giudiziari hanno presentato oltre 150.000 richieste di assistenza della forza pubblica per l'esecuzione degli sfratti. Nel 2014 sono stati oltre 36.000 gli sfratti eseguiti con la forza pubblica, di fatto ogni giorno in Italia, esclusi festivi, periodi di ferie e festività, si eseguono ogni giorno almeno 140 sfratti".
Il sindacato che rappresenta gli inquilini evidenzia però che "l'articolo 11 del Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali tra gli altri diritti sancisce il diritto all'alloggio e il commento n. 7 dell'ONU all'articolo 11 afferma che in materia di sfratti e sgomberi l'articolo 11 si applica garantendo prima dello sgombero o dello sfratto il passaggio da casa a casa.

L'Unione Inquilini rammenta invece che "la Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza all'articolo 27 afferma che:
1) gli Stati parti riconoscono il diritto di ogni fanciullo a un livello di vita sufficiente per consentire il suo sviluppo fisico, mentale, spirituale, morale e sociale.
2) spetta ai genitori o ad altre persone che hanno l'affidamento del fanciullo la responsabilità fondamentale di assicurare, entro i limiti delle loro possibilità e dei loro mezzi finanziari, le condizioni di vita necessarie allo sviluppo del fanciullo.
3) gli Stati parti adottano adeguati provvedimenti, in considerazione delle condizioni nazionali e compatibilmente con i loro mezzi, per aiutare i genitori e altre persone aventi la custodia del fanciullo ad attuare questo diritto e offrono, se del caso, un'assistenza materiale e programmi di sostegno, in particolare per quanto riguarda l'alimentazione, il vestiario e l'alloggio".

Nel comunicato Massimo Pasquini, segretario nazionale dell'Unione Inquilini, precisa quindi che "quando si esegue uno sfratto senza garanzia di rialloggio e in periodo scolastico, al minore coinvolto rischiano di essere compromessi altri diritti garantiti dalla Costituzione italiana quale il diritto allo studio e alla salute. - ribadendo - Oggi in Italia assistiamo quotidianamente alla esecuzione di sfratti di famiglie svantaggiate, in disagio economico e in presenza di anziani, minori, persone disabili ai quali di fatto non viene prestata alcuna forma di assistenza e per i quali si assiste non al passaggio da casa a casa ma al passaggio da casa a strada". L'Unione Inquilini denuncia quindi di assistere "quotidianamente alla sistematica violazione da parte delle Amministrazioni Centrali e locali di quanto previsto da Patti e Convenzioni internazionali che recano tra gli diritti quello all'alloggio. - aggiungendo - Nei rari casi nei quali negli sfratti, relativamente a quelli con presenza di minori, in cui il Comune interviene si assiste allo smembramento della famiglia con la mamma e il minore che vengono collocati presso enti assistenziali o in alberghi temporaneamente con costi esorbitanti e il papà che viene lasciato a se stesso".

A Luigi Manconi, presidente della Commissione Diritti Umani, viene quindi ricordato che "dal 28 giugno 2015 sono stati liberalizzati anche gli sfratti motivati da fine locazione di famiglie con anziani, portatori di handicap, minori e malati terminali con reddito lordo complessivo inferiore a 27.000 euro, senza che sia fornita in questi casi alcuna forma di sostegno o di rialloggio" e che "in Italia sono 700.000 le famiglie collocate utilmente nelle graduatorie comunali per l'accesso ad un alloggio di edilizia residenziale pubblica a canone sociale", con l'Unione Inquilini che fa notare: "Questo significa che i Comuni hanno certificato che 700.000 famiglie hanno diritto ad una casa popolare ma visto che in Italia si sono abbandonate le politiche pubbliche in materia di edilizia residenziale pubblica (nel 1984 in Italia si realizzavano 36.000 case popolari oggi meno di 1000) alle famiglie viene offerto no alloggi ma di 'abitare in una graduatoria' ma le graduatorie non si abitano". Per tutti questi motivi l'Unione Inquilini chiede alla Commissione Diritti Umani del Senato di venire convocata "per una audizione sul tema del diritto all'alloggio sancito a livello internazionale attraverso Patti internazionali e Convenzioni alle quali l'Italia ha aderito ma ai quali, nei fatti, non ottempera".

© riproduzione riservata | online: | update: 23/07/2015

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Unione Inquilini scrive a Manconi (PD) e alla Commissione Diritti Umani
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Il sito utilizza cookie di 'terze parti', se prosegui la navigazione o chiudi il banner acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickquiCHIUDI