le notizie che fanno testo, dal 2010

Bossi: Tremonti costretto a vender titoli di Stato, meglio secessione

Umberto Bossi anticipa che la Lega Nord dovrebbe votare per la richiesta d'arresto di Papa, indagato per la P4. Parlando della "brutta manovra", come la definisce, Bossi rilancia invece il tema della "secessione".

Prima sì, poi no, ora di nuovo sì ma con qualche forse. Sembra essere questa la posizione di Umberto Bossi riguardo la richiesta di arresto di Papa, indagato nell'inchiesta P4, anticipando però dalla festa di Podenzano che probabilmente "la Lega voterà per il suo arresto", non mancando però allo stesso tempo di sottolineare: "Abbiamo lasciato passare la richiesta della sinistra, però qualche dubbio ce l'ho. Bisogna lasciare alla magistratura la possibilità di indagare ma mai manette senza aver fatto prima il processo. Attenti a scelte sbagliate". Ma da Podenzano Umberto Bossi torna a parlare anche della manovra correttiva, definita dal leader del Carroccio "una brutta manovra arrivata quando sembrava che il mondo intero si fosse scatenato contro l'Italia", riproponendo un tema caro alla Lega Nord. Bossi spiega infatti che "tutti i mesi il povero Tremonti deve vender dei titoli di Stato" perché "se non lo facesse non si pagherebbero più pensioni e ospedali: sarebbe un disastro". "Arrivati a questo punto - conclude quindi Umberto Bossi - meglio far la secessione che andrebbe bene al Sud e al Nord, con patti chiari e amicizia lunga. La secessione sarebbe la migliore medicina".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: