le notizie che fanno testo, dal 2010

Ucraina accusa: invasi dalla Russia. Mosca: trovata pubblicitaria di Kiev

L'esercito di Kiev accusa Mosca di aver iniziato una "invasione su vasta scala" dell'Ucraina, con i militari russi che starebbero combattendo al fianco degli indipendentisti. La Russia smentisce e parla di "una trovata pubblicitaria di Kiev che difficilmente riuscirà a sorprendere qualcuno nella comunità internazionale". Mosca pensa che sia solo propaganda per vanificare l'incontro a Minsk.

L'esercito ucraino sostiene che è in corso nel Paese una "invasione su vasta scala" da parte di Mosca, mentre un funzionario USA ha affermato che sarebbero circa mille le truppe russe con armi pesanti che avrebbero attraversato il confine meridionale dell'Ucraina per combattere al fianco dei ribelli filo-russi. Stando alle informazioni ripostatte dalla CNN, i ribelli indipendentisti appoggiati da carri armati russi avrebbero oggi combattuto le forze ucraine su due fronti: il primo a sud est di Donetsk, nei pressi della città di Novoazovsk a circa 12 miglia (20 km) dal confine con la Russia; il secondo a Donbas. La città di Novoazovsk è strategicamente importante per Mosca perché si trova sulla strada principale che porta dal confine russo alla regione della Crimea, che la Russia ha annesso lo scorso marzo. Mosca però smentisce "l'invasione" dell'Ucraina, con Vladimir Chizhov, l'inviato russo in UE, che ipotizza come tali accuse siano un tentativo di Kiev per giustificare le sue sconfitte militari in Ucraina est e per minimizzare i risultati dei recenti colloqui a Minsk, ai quali hanno partecipato i leader di Russia, Ucraina, Bielorussia, Kazakistan e i rappresentanti dell'Unione europea. Chizhov spiega: "Penso che a qualcuno il processo iniziato a Minsk non è piaciuto. Anche se al vertice non c'è stata alcuna svolta rispetto alla crisi ucraina, il fatto stesso che l'incontro ha avuto luogo è abbastanza importante". Chizhov sostiene che le accuse di Kiev rientrano nella "solita campagna mediatica non è supportata da prove", che si è intensificata in vista della riunione di sabato 30 agosto a Bruxelles tra il presidente ucraino Petro Poroshenko e i leader europei. Anche Leonid Slutsky, a capo del Comitato CIS Affairs della Duma, definisce le afgermazioni di Kiev non solo "infondate" ma anche come "una trovata pubblicitaria che difficilmente riuscirà a sorprendere qualcuno nella comunità internazionale". Andrei Krelin, l'inviato della Russia presso l'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE), ha respinto le accuse del governo ucraino come non veritiere. Invece, l'ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina Geoffrey Pyatt ha dichiarato che i soldati russi sono stati invece direttamente coinvolti nei combattimenti di oggi, a fianco dei ribelli indipendentisti, denunciando: "La Russia ha anche inviato i suoi sistemi di difesa aerea più recenti, tra cui la SA-22 (o Pantsir-S1, ndr)".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: