le notizie che fanno testo, dal 2010

Convocato Consiglio Sicurezza ONU su crisi Crimea. Russia: ok truppe in Ucraina

Si riunisce questa sera il Consiglio di Sicurezza ONU per affrontare la crisi in Ucraina, e soprattutto in Crimea, dopo il via libera della Russia all'invio di forze armate nella ex repubblica sovietica. Dura la condanna dell'UE alla Russia, che viene invitata a a non violare la sovranità e l'integrità territoriale dell'Ucraina.

In una nota di oggi, il Ministero degli Esteri precisa che Federica Mogherini sta seguendo l'evoluzione della situazione in Ucraina, in particolare in Crimea, e a Mosca", chiarendo che "la titolare della Farnesina mantiene continui contatti con la Presidenza del Consiglio, con i nostri Ambasciatori a Kiev e Mosca e con i principali colleghi europei". La tensione in Ucraina infatti è altissima. Il presidente russo, Vladimir Putin, ha chiesto ed ottenuto al Senato di inviare truppe in Ucraina "per normalizzare la situazione". Via libera quindi alla spedizione di forze armate, soprattutto nella regione della Crimea. Barack Obama ha annunciato conseguenze se la situazione si fosse aggravata, e le parole del Presidente degli Stati Uniti hanno causato la reazione del Consiglio della Federazione (la Camera alta russa), che ha chiesto a Valdimir Putin di richiamare l'ambasciatore russo in USA. Mentre la crisi in Crimea potrebbe aggravarsi, l'ex premier ucraina Yulia Tymoshenko viene invitata a Mosca il 3 marzo. Sempre lunedì è stato fissato alle ore 13:00 un Consiglio dei ministri degli Esteri UE straordinario. La UE condanna la Russia per "l'inaccettabile" violazione della sovranità e integrità territoriale dell'Ucraina. La responsabile della politica estera dell'UE, Catherine Ashton, ha invitato la Russia ad astenersi da un intervento armato in Ucraina e rispettare i trattati internazionali. "Bisogna fare di tutto per evitare un intervento esterno e i rischi di un'escalation pericolosa", afferma invece il presidente francese Francois Hollande, dopo un colloquio con il primo ministro polacco Donald Tusk. Intanto, però, si muove la Gran Bretagna che chiede una riunione urgente del Consiglio di Sicurezza dell'ONU, che si radunerà in via straordinaria oggi alle ore 14:00 di New York, le 20:00 in Italia. La Russia spiega nel frattempo che circa 143mila persone hanno lasciato l'Ucraina per rifugiarsi in territorio russo a causa dei disordini e delle violenze scoppiati nei giorni scorsi nell'ex repubblica sovietica.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: