le notizie che fanno testo, dal 2010

Canada risponde ad embargo russo con aiuti militari in Ucraina

Il Canada risponde al divieto russo sulle importazioni di prodotti alimentari, quali carne bovina, carne di maiale, frutta, verdura, pollame, pesce, formaggi, latte e prodotti lattiero-caseari, inviando in Ucraina aiuti militari. La Russia ha adottato l'embargo di un anno anche verso i prodotti provenienti dall'Unione europea, dagli Stati Uniti, dall'Australia e dalla Norvegia, Paesi che hanno emesso sanzioni verso Mosca.

Il Canada risponde al divieto russo sulle importazioni di prodotti alimentari, quali carne bovina, carne di maiale, frutta, verdura, pollame, pesce, formaggi, latte e prodotti lattiero-caseari, inviando in Ucraina aiuti militari. La Russia ha adottato l'embargo anche verso i prodotti provenienti dall'Unione europea, dagli Stati Uniti, dall'Australia e dalla Norvegia. Solo il Canada perderà, per mancate esportazioni, circa 1,7 miliardi dollari all'anno. La Russia è stata sanzionata dai Paesi in cui ora vige l'embargo alimentare poiché accusata di aiutare la resistenza indipendentista ucraina. Nonostante questo, il Canada annuncia invece di aver già inviato 4,5 milioni di dollari di equipaggiamento militare che andrà a rifornire i soldati di Kiev che lottano contro i filorussi, tra cui "caschi, occhiali balistici, giubbotti di protezione, kit di primo soccorso, tende e sacchi a pelo". Giovedì scorso il segretario generale della NATO, Anders Fogh Rasmussen, ha incontrato il primo ministro ucraino Arsenij Yatseniuk per discutere di un possibile incremento nell'assistenza militare.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: