le notizie che fanno testo, dal 2010

Aereo Malaysia abbattuto: Gran Bretagna convoca ONU su crisi Ucraina

Si rafforza l'ipotesi che ad abbattere il Boeing 777 della Malaysia Airlines, volo Mh17, precipitato nella regione di Donetsk possano essere stati i militari ucraini. "Solo l'aviazione ucraina o la sua difesa anti-missile Buk" avrebbe potuto colpire l'aereo, chiarisce Alexander Borodai, leader della autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk nell'Ucraina orientale. Morte le 295 persone a bordo del jet, cittadini dei Paesi Bassi, degli Stati Uniti, della Gran Bretagna, della Francia e della Malesia. L'Inghilterra convoca una sessione straordinaria dell'ONU.

"Sulla base delle informazioni attualmente disponibili si ritiene che lo spazio aereo che il Boeing 777 della Malaysia Airlines stava attraversando non era soggetto a restrizioni" spiega l'autorità del traffico aereo IATA (International Air Transport Association) in una breve nota. L'8 luglio scorso, infatti, le autorità del traffico aereo ucraino Ukraerorukh avevano chiuso lo spazio aereo sovrastante il territorio dove è in corso l'ATO (operazione anti-terrorismo) per tutti i voli commerciali e civili proprio per "garantire un adeguato livello di sicurezza". Eurocontrol (Organizzazione europea per la sicurezza della navigazione aerea) annuncia che le autorità ucraine hanno infine chiuso lo spazio aereo sopra le regioni orientali del Paese, dopo lo schianto del Boeing. La tedesca Lufthansa e la russa Transaero avevano già annunciato che avrebbero deviato le rotte dei voli in partenza per evitare lo spazio aereo ucraino.

Nel corso delle ore si rafforza l'ipotesi che a colpire il Boeing 777 della Malaysia Airlines, volo Mh17, che ha causato la morte delle 295 persone a bordo (280 passeggeri e 15 membri dell'equipaggio) siano stati i militari ucraini. Alexander Borodai, leader della autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk nell'Ucraina orientale, ribadisce le accuse nei confronti di Kiev: "Penso che sia tutto molto chiaro. La milizia (di Donetsk, ndr) ha solo MANPADS (sistema missilistico antiaereo a corto raggio trasportabile a spalla, ndr) e sistemi missilistici con una gamma di fuoco pari a 2-3 chilometri". Il Boeing 777 della Malaysia Airlines è però stato colpito ad una quota di 10.000 metri, e di conseguenza "solo l'aviazione ucraina o la sua difesa anti-missile Buk" avrebbe potuto abbatterlo, conclude Borodai. Il leader del DPR afferma quindi che le accuse che il governo di Kiev ha rivolto ai filorussi rappresentano solo "un chiaro caso di diffamazione", e al tempo stesso esprime "profondo cordoglio" nei confronti dei familiari delle vittime morte a causa dell'abbattimento del Boeing 777, promettendo che verrà condotta un'indagine imparziale con "la partecipazione di esperti internazionali".

Fonti qualificate hanno riferito che l'Ucraina aveva inviato il sistema missilistico terra-aria Buk a Donetsk, regione dove è precipitato il Boeing 777, proprio il giorno prima dell'incidente aereo. Inoltre, è stato confermato che l'aereo non era ancora entrato nello spazio aereo russo, tanto che il Boeing non aveva contattato i controllori del traffico aereo russo a Rostov. Il relitto dell'aereo è stato inoltre trovato a circa 60 chilometri dal confine russo, ma comunque in territorio ucraino. "Ovviamente, lo Stato in cui questo incidente ha avuto luogo è responsabile di questa terribile tragedia" ha chiarito Vladimir Putin, aggiungendo: "Questa tragedia non sarebbe mai accaduta se questo territorio fosse stato tranquillo, e se i combattimenti non fossero ripresi nelle regioni del sud-est dell'Ucraina". Putin ha inoltre chiesto al governo russo di fare del suo meglio affinché emerga un quadro oggettivo dell'incidente, sottolineando: "Dobbiamo fare del nostro meglio affinché le persone in Russia, Ucraina e nel resto del mondo sappiano con certezza su chi debba ricadere la responsabilità di questa tragedia". Infine, il presidente russo ha espresso le proprie condoglianze alle famiglie delle vittime della catastrofe e ai governi di quei Paesi i cui cittadini erano a bordo del jet precipitato. Sembra che sul volo Mh17 della Malaysia Airlines, partito da Amsterdam e diretto a Kuala Lumpur, viaggiassero cittadini dei Paesi Bassi, degli Stati Uniti, della Gran Bretagna, della Francia e della Malesia. L'agenzia Itar Tass rivela che la Gran Bretagna ha ufficialmente chiesto una sessione straordinaria del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (ONU) per affrontare la situazione in Ucraina.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: