le notizie che fanno testo, dal 2010

Pensioni: su perequazione sentenza Consulta 24 ottobre: Presidio USB

L'USb attende la sentenza della Consulta sulla mancata perequazione delle pensioni.

"Martedì 24 ottobre Giorno della nuova sentenza della Corte Costituzionale sulla mancata perequazione delle pensioni sapremo: se la Consulta è ancora un organo indipendente oppure smentirà se stessa; se la Carta Costituzionale è ancora garante dei diritti universali se le politiche di bilancio prevarranno sui diritti sociali. La mancata perequazione delle pensioni è solo un episodio della strategia di distruzione del sistema previdenziale pubblico, dei diritti acquisiti con anni di lavoro, del futuro previdenziale dei giovani" segnala in una nota USB.

L'Unione Sindacale di Base comunica infine: "Il governo Renzi a suo tempo per sostenere questa battaglia ha aggirato la sentenza della Corte Costituzionale che imponeva la restituzione della mancata perequazione. La battaglia a sostegno della restituzione della mancata perequazione non è solo una giusta iniziativa a sostegno del diritto di milioni di pensionati, è anche la prima mobilitazione di massa contro l'abolizione del diritto alla pensione dignitosa. I continui tentativi di ricalcolo delle pensioni erogate con il sistema contributivo, il taglio dei coefficienti di trasformazione, lo scempio delle varie API, la beffa delle pensioni ai giovani fra 40 anni passati senza lavoro, il prelievo fiscale sulle pensioni di ben 49 miliardi ogni anno, sono gli aspetti ormai palesi della volontà di abolire pensioni, previdenza pubblica, diritti acquisiti e diritti da acquisire. Costruire un fronte comune tra pensionati, lavoratori, giovani senza prospettive future, disoccupati è una esigenza vitale per combattere la precarietà del vivere sociale e liberarsi dai bisogni".

© riproduzione riservata | online: | update: 23/10/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Pensioni: su perequazione sentenza Consulta 24 ottobre: Presidio USB
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI