le notizie che fanno testo, dal 2010

UFO Denver nei fotogrammi. Base al Rocky Mountain Arsenal?

Degli strani UFO sono stati inquadrati in dei video sopra i cieli di Denver, in Colorado (Stati Uniti), ma si riescono ad avvisare solo rallentando le immagini. La base di lancio e di atterraggio, si ipotizza, potrebbe essere nella zona dove una volta sorgeva la Rocky Mountain Arsenal, una fabbrica di armi chimiche ma non solo.

Il 21 dicembre 2012 si avvicina e la paranoia in merito alle profezie Maya comincia a salire, il tutto alimentato anche dalle fonti più qualificate, come per esempio TMnews che titola "Fine del mondo a dicembre 2012, una scritta Maya lo conferma". E se a "confermare" che la fine del mondo 2012 è vicina è una agenzia di stampa, c'è da immaginarsi cosa possano tirar fuori dal cilindro i cosiddetti fuffologi. Ma anche se tutto è da prendere con le pinze, la curiosità riguardo ciò che non si conosce, e comprende, fa parte della natura dell'uomo, e per questo motivo saltuariamente anche i grandi media si occupano dei cosiddetti avvisamenti misteriosi. In questo caso, a parlarne è la CBS6 - WTVR.com, a cui un uomo, che è voluto rimanere anonimo, ha inviato uno strano video dove sono stati catturati degli oggetti non identificati sopra Denver (Colorado, Stati Uniti).

E' partita quindi la caccia all'UFO, nella maniera più "scientifica" possibile. L'informatore della CBS ha spiegato che questi oggetti volanti appaiono sopra Denver tra mezzogiorno e l'una del pomeriggio, almeno un paio di volte a settimana. Ma ad incuriosire maggiormente è il fatto che questi strani oggetti "volano troppo veloce per essere visti ad occhio nudo". Questi UFO, infatti, si riescono a vedere solo rallentando il video. La CBS6 ha quindi inviato un reporter nello stesso luogo dove era stato girato il filmato inviato dal telespettatore, su una collina nei pressi della città di Federal Heights (Colorado), piazzando la telecamera in direzione del centro di Denver. Sempre tra mezzogiorno e l'una, anche il giornalista è riuscito ad inquadrare questi oggetti volanti non identificati, e anche in questo caso è stato possibile confermare l'avvistamento solo dopo aver rallentato le immagini.

La CBS6 ha quindi intervistato Steve Cowell, un esperto aviatore nonché istruttore alla Federal Aviation Administration (FAA), l'agenzia federale statunitense per l'aviazione civile, che guardando le strane immagini di questo UFO sopra Denver spiega: "Non riesco ad identificarne la natura, ma posso escludere, anche dalla velocità con cui si muove, che non è un aereo, non è un elicottero, non sono gli uccelli, e nemmeno insetti". L'unica ipotesi rimasta in piedi, anche se tra mille dubbi, è che possano essere "una sorta di detriti sollevati da alcune correnti ascensionali". Non avendo però alcun appiglio a cui agganciarsi, Steve Cowell sentenza che la telecamera ha sicuramente immortalato "un UFO, e cioè come da definizione un oggetto volante non identificato".

La CBS6, come tutta la stampa seria, ha però interpellato al riguardo anche il North American Aerospace Defense Command di Colorado Springs, meglio noto come NORAD. Il NORAD, infatti, non segue solo la rotta di Babbo Natale ma è adibito al controllo dello spazio aereo per prevenire eventuali attacchi verso gli Stati Uniti. Il NORAD ha però riferito che il loro centro di comando "non ha rivelato il volo di questi dischi volanti nella zona di Denver negli orari indicati". Unico particolare di rilievo, per chi volesse continuare le indagini, è una indicazione fornita sempre dall'anonimo informatore della CBS, perché avrebbe ipotizzato che la zona di lancio e atterraggio di questi UFO starebbe tra la 56 Avenue e Clay Street, a Denver.

Siamo quindi andati a vedere su Google Maps la zona indicata, osservando che nei pressi della 56 Avenue si trova il Rocky Mountain Arsenal National Wildlife Refuge, attualmente una zona adibita a parco naturale ma su cui, fino al 1992, sorgeva una fabbrica di armi chimiche, gestita dall'esercito degli Stati Uniti. Sino al 1969 alla RMA (Rocky Mountain Arsenal) venivano prodotte armi chimiche come il fosforo bianco, il napalm, il gas mostarda e il gas Sarin (una delle sostanze più tossiche mai create in un laboratorio) ma in seguito lavorò anche per l'Air Force degli Stati Uniti producendo carburante per missili.
Chissà quindi se tra questi "carburanti" ce ne fosse anche uno in grado di far volare oggetti talmente veloci da non essere visti ad occhio nudo.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: