le notizie che fanno testo, dal 2010

Area 51, CIA ammette: gli UFO c'erano, ma militari non alieni

Sopra l'Area 51 volavano effettivamente degli oggetti volanti non identificati, anche se la CIA svela che questi UFO non erano pilotati da alieni ma bensì da militari, molto terrestri. Nella famosa base in Nevada, infatti, tra il 1954 ed il 1974 sarebbero stati testati gli aerei spia U-2, utilizzati dal governo degli Stati Uniti durante la guerra fredda per delle missioni di ricognizione in tutto il mondo.

La CIA ammette l'esistenza in Nevada non solo della famosa Area 51 ma anche della presenza di oggetti volanti non identificati. Sopra l'Area 51 volavano quindi veramente degli UFO ma a bordo, a quanto sembra, non c'erano alieni ma bensì militari, molto terrestri. Nella ormai ex base segreta, infatti, a quanto pare veniva testato l'aereo spia stelle e strisce U-2. A svelare il mistero un documento di circa 400 pagine della CIA intitolato "Central Intelligence Agency and Overhead Reconnaissance: The U-2 and Oxcart Programs, 1954-1974", rilasciato dall'ente governativo dopo una richiesta presentata nel 2005 da Jeffrey T. Richelson, del George Washington University's National Security Archive, in base al Freedom of Information Act. In passato, altri rapporti erano stati rilasciati dalla CIA ma Richelson fa notare come questo nuovo documento presenti molti meno omissis rispetto alle versioni precedenti declassificati dall'agenzia. Stando al rapporto declassificato, gli aerei spia U-2 venivano utilizzati dal governo degli Stati Uniti durante la guerra fredda per delle missioni di ricognizione in tutto il mondo. Nel documento, inoltre, viene fornita una mappa dettagliata della zona dove era situata l'Area 51, anche se Richelson sottolinea come questa sia simile a quella che tutti possono vedere su Google Maps.

I documenti svelano che gli aerei U-2 era in grado di volare ad una altitudine di 60.000 piedi, una altezza quindi superiore a qualsiasi altro aereo dell'epoca. Nel rapporto della CIA si legge poi che "i test ad alta quota dell'U-2 presto crearono un effetto collaterale imprevisto: un enorme aumento nelle segnalazioni di oggetti volanti non identificati", e cioè UFO. Nei documenti verrebbe spiegato che il governo USA in quel periodo cercò di far credere alla popolazione che gli avvistamenti erano da collegare a fenomeni naturali, anche se probabilmente il fatto che la storia degli alieni sia andata comunque alimentandosi ha permesso ai militari di continuare i loro esperimenti segreti senza destare troppi sospetti. Il documento della CIA, infatti, rivela che "più della metà di tutti i report UFO tra la fine del 1950 e la maggior parte del 1960" sono da attribuire a segnalazioni di "aerei U-2 o voli OXCART". Nel documento, però, non sembra che ci sia alcun riferimento al celebre incidente di Roswell, che in effetti avvenne l'8 luglio 1947 e quindi 7 anni prima il periodo preso in esame dal George Washington University's National Security Archive.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: