le notizie che fanno testo, dal 2010

Terremoto in Emilia: UE valuterà se lo Stato può aiutare le imprese

Mentre la procura di Modena annuncia che saranno molti gli indagati per il crollo dei capannoni, la Commissione UE anticipa che valuterà "le opportunità legali per offrire aiuti di Stato che potrebbero aiutare le piccole e medie imprese" dell'Emilia Romagna colpite dal terremoto.

E' stato descritto come il terremoto degli operai, perché tanti, troppi lavoratori sono rimasti sotto le macerie dei capannoni della zona, costruiti anche recentemente ma che non hanno retto al sisma.
E mentre il ministro dell'Ambiente Corrado Clini parla di un piano nazionale per la sicurezza del territorio che dovrà durare almeno 15 anni, il procuratore di Modena Zincani precisa che "saranno molti gli indagati per i morti nei crolli dei capannoni".
Intervenendo su Rai 1, Corrado Clini annuncia che gli interventi del governo per le zone terremotate dell'Emilia Romagna ammontano a 500 milioni di euro, di cui 420 giungono dalle accise sulla benzina e i restanti 80 milioni dal dimezzamento del contributo ai partiti.
Nel frattempo, la Commissione europea valuterà "le opportunità legali per offrire aiuti di Stato che potrebbero decisamente aiutare le piccole e medie imprese" colpite dal sisma, come spiega il Commissario europeo per le Politiche regionali, Johannes Hahn, in visita a Trieste.
La decisione arriverà dopo che alcuni rappresentanti della Commissione europea sorvoleranno domenica 3 giugno le zone distrutte dal sisma, ma il fondo di solidarietà UE potrà garantire risorse solo per il 2,5% dei danni provocati.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: