le notizie che fanno testo, dal 2010

Pittella: se Juncker non apre a flessibilità in UE, S&D non lo vota

Se Jean-Claude Juncker vuole diventare il prossimo presidente della Commissione europea, allora "dovrà mettere nero su bianco il suo impegno sulla flessibilità" in Ue, chiarisce Gianni Pittella, poiché in caso contrario i socialisti non lo voteranno.

A fine giugno, dopo una riunione del Consiglio europeo, i leader dei 28 paesi membri dell' UE hanno raggiunto una intesa intorno al nome di Jean-Claude Juncker quale prossimo Presidente della Commissione europea. L'incarico, però, dovrà essere formalizzato, e votato, dal Parlamento europeo. Gianni Pittella (PD), presidente del gruppo socialisti e democratici (S&D), espressione parlamentare del Pse, chiarisce però che se Juncker vuole il sostegno dei socialisti in Parlamento dovrà mettere nero su bianco il suo impegno sulla flessibilità. In caso contrario, annuncia Pittella, il gruppo S&D farà mancare i propri voti a sostegno della candidatura di Juncker. "Uno dei momenti di verità" come lo chiama Pittella in una intervista a QN sarà martedì 8 giugno, quando Juncker parteciperà alla riunione del gruppo S&D e "passerà per le domande serrate che faranno i miei colleghi" promette il presidente del gruppo socialisti, aggiungendo: "Molto dipenderà (anche, ndr) dalle scelte sui commissari, ci si sceglie un falco, un dogmatico dell'austerità, allora non va".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: