le notizie che fanno testo, dal 2010

Toyota richiama 1,9 milioni di Prius per controllo su sistema ibrido

La Toyota ha richiamato in officina 1,9 milioni di Prius, perché c'è la necessità di un controllo al sistema ibrido. La Toyota dovrà cambiare un elemento della centralina elettronica che potrebbe portare all'arresto improvviso della Prius.

Ancora una volta, la Toyota è costretta a richiamare le sue autovetture. Questa volta la Toyota ha richiamato in officina 1,9 milioni di Prius, perché c'è la necessità di un controllo al sistema ibrido. La Toyota deve cambiare un elemento della centralina elettronica per evitare che il sistema entri in "modalità" sicurezza, il che potrebbe portare all'arresto improvviso della Prius. Un portavoce della Toyota spiega all'Afp: "Nel peggiore dei casi, il veicolo può fermarsi mentre il conducente sta guidando. Lo consideriamo un problema di sicurezza e per questo abbiamo deciso il ritiro". Il ritiro delle Toyota Prius riguarda circa un milione di vetture in Giappone, 700mila negli Stati Uniti e circa 130mila in Europa. Nel luglio del 2010 la Toyota ritirò la Lexus per un difetto di fabbricazione al motore. Nell'ottobre del 2010 un nuovo richiamo per le vetture Toyota a causa di possibili problemi all'impianto dei freni. Nel gennaio del 2011 Toyota richiamò 16 modelli auto per potenziali difetti al circuito del carburante. Infine, nell'aprile del 2013, Toyota, Nissan, Honda, Mazda, prodotte tra il 2000 e il 2004, sono state richiamate a causa di un possibile difetto nell'airbag del passeggero.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# auto# Europa# Giappone# Honda# Lexus# Nissan# Stati Uniti# Toyota