le notizie che fanno testo, dal 2010

Corleone: figlia Totò Riina chiede bonus bebè, ma Comune dice "no"

La figlia di Totò Riin, Lucia, chiede al Comune di Corleone il bonus bebè, dichiarando quindi di avere un Isee non superiore a 25.000 euro. Ma nessuno le crede.

I Riina chiedono aiuto allo Stato. Non si tratta di una rivelazione uscita nel processo sulla presunta trattativa Stato-mafia ma di una notizia che arriva direttamente da Corleone. La figlia più piccola del capo di Cosa Nostra, Lucia Riina, si è infatti rivolta al Comune per ottenere il bonus bebè, dichiarando quindi di avere un Isee non superiore a 25.000 euro.

Il Comune ha negato però l'assegno, come deciso dai commissari che reggono l'amministrazione cittadina dopo lo scioglimento per infiltrazioni mafiosa. Anche l'Inps chiarisce che Lucia Riina non ha diritto all'assegno mensile previsto per i genitori che hanno un reddito minimo. A quanto pare, nessuno crede che la figlia di Totò Riina, che in carcere si vanta di "essere comunque ricco" anche se recupera solo "un terzo" di quanto accumulato finora, sia davvero in difficoltà economiche.

© riproduzione riservata | online: | update: 19/06/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Corleone: figlia Totò Riina chiede bonus bebè, ma Comune dice "no"
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI