le notizie che fanno testo, dal 2010

Torino: esplosione in palazzina. Trovato bimbo disperso. Fassino: priorità sfollati

Al primo piano di una palazzina popolare al confine con San Mauro Torinese una esplosione, forse causata dallo scoppio di una bombola, ha causato un incendio in due palazzine limitrofe. Trovato vivo il bimbo disperso sotto le macerie. Il sindaco di Torino Piero Fassino assiicura: "Immediatamente una sistemazione per tutte le famiglie sfollate".

Al confine con San Mauro Torinese è esploso un alloggio al primo piano di una palazzina di nove piani in strada della Verna 20, nel quartiere Barca. La palazzina dove è avvenuta l'esplosione è di proprietà del Consorzio intercomunale torinese che fa riferimento all'Agenzia Territoriale della Casa (Atc). Lo scoppio ha provocato un forte incendio, che si è esteso in poco tempo anche al palazzo accanto, sempre di nove piani. All'inizio si è temuto per la vita di un bambino disperso sotto le macerie, poi estratto vivo dai vigili del fuoco, anche se ha subito un trauma cranico. Il bilancio dei feriti è di 13 le persone ricoverate in ospedale e 12 invece quelle medicate sul posto. In particolare, due adulti e due bambini sono rimasti intossicati, mentre altri due adulti sono rimasti ustionati lievemente. Più grave invece la mamma dei bambini, perchè rimasta intossicata dai fumi ed attualmente è ricoverata in rianimazione al San Giovanni Bosco. A causa dell'esplosione, si ipotizza per lo scoppio di una bombola del gas in un'abitazione abitata da una anziana signora, e dell'incendio, a Torino in tutto sono circa un centinaio gli sfollati, anche se alcuni di questi probabilmente in giornata potranno rientrare nelle proprie abitazioni. Essendo un quartiere popolare, sul posto è giunto anche il sindaco di Torino Piero Fassino che assicura che il Comune cercherà di trovare "immediatamente una sistemazione per tutte le famiglie sfollate", sottolineando che si farà di tutto "affinchè il ripristino degli appartamenti danneggiati avvenga nel più breve tempo possibile". "Sulle cause dell'esplosione - conclude Piero Fassino - aspettiamo la relazione dei tecnici".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: