le notizie che fanno testo, dal 2010

Tokio Hotel: le due facce della stessa medaglia

I gemelli Tom e Bill Kauliz dei Tokio Hotel ricordano gli esordi della loro carriera, ormai iniziata dieci anni fa, e specificano che anche se il loro è un legame molto forte non "arrivano mai ai livelli del fratelli Gallagher". Da poco uscito il DVD "Humanoid city live".

I Tokio Hotel festeggiano i loro dieci anni di carriera anche con il DVD da poco pubblicato "Humanoid city live", che documenta "l'enorme successo di pubblico che i Tokio Hotel riscuotono, soprattutto nelle loro performance dal vivo". Il DVD "Humanoid city live" è infatti la registrazione del concerto milanese del 12 aprile scorso.
"Una serata magica, in cui tutto è andato per il verso giusto", rivela a L'Uomo Vogue Tom Kauliz, che però confessa che lui e il gemello Bill Kauliz all'inizio hanno dovuto faticare non poco visto che "era difficile trovare qualcuno che volesse mettersi con noi a suonare in una band o condividesse i nostri stessi sogni". Questo soprattutto a causa della giovane età dei fratelli, che però non si sono arresi, anche perché la loro forza è proprio il "legame fortissimo" che li unisce.
"All'inizio eravamo solo io e Bill", ricorda Tom sempre su L'Uomo Vogue in edicola da ieri, che gli dedica la copertina e che al link: (http://www.vogue.it/magazine/l-uomo-vogue/2010/10/tokio-hotel) è possibile vedere il video del backstage del servizio fotografico.
"Non ci lasciamo mai" continua Bill, ricordando il trauma della scuola, quando la maestra li divise in due classi distinte: "L'esperienza più brutta della mia vita", ricorda.
Il fratello Tom però ci tiene a precisare che loro due non sono come "i fratelli Gallagher", non potrebbero mai arrivare "a quei livelli".
"Abbiamo due personalità molto diverse e ben definite - specifica Tom - anche dal punto di vista dell'immagine. Ma insieme siamo le due facce di una stessa medaglia, unica, forte".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# concerto# link# scuola# sogni# Tokio Hotel# Tom Kauliz# video# vista