le notizie che fanno testo, dal 2010

Tirrenia: UilT non fa ricorso. Matteoli: no a "spezzatino"

Il Tribunale fallimentare di Roma dichiara per la Tirrenia lo stato di insolvenza. Per il Ministro Matteoli "non ci sarà il cosiddetto spezzatino" e la UilTrasporti fa sapere che non presenterà ricorso in appello alla sentenza ma vuole un tavolo a palazzo Chigi.

Il Tribunale fallimentare di Roma dichiara per la Tirrenia lo stato di insolvenza perché è in una situazione di "irreversibile stato di crisi finanziaria" ed è incapace di far "fronte alle obbligazioni". Da quanto si apprende la compagnia (controllata da Fintecna che è una società pubblica del Ministero del Tesoro) è indebitata per 646,6 milioni di euro e in cassa ne avrebbe solo 18.506.
Il Ministro Altero Matteoli comunica in una nota che "il governo e l'amministratore straordinario di Tirrenia non hanno alcuna intenzione di suddividere le attività aziendali della società di navigazione" e quindi assicra che "non ci sarà il cosiddetto spezzatino". La nota arriva per "rassicurare i lavoratori", sootlineando che la privatizzazione della Tirrenia salvaguarderà "i livelli occupazionali" e i "collegamenti marittimi".
Ugo Cappellacci, presidente della Regione Autonoma della Sardegna, fa sapere (come si legge sull'Unione Sarda) che la "privatizzazione deve essere rispettosa delle esigenze di continuità territoriale marittima della Sardegna, del diritto di circolazione dei residenti e delle necessità di quell'economia turistica che rappresenta uno dei settori strategici su cui puntare per creare nuovo sviluppo e nuove opportunità di occupazione per la nostra isola".
Intanto la UilTrasporti fa sapere che non presenterà ricorso in appello alla sentenza di insolvenza anche perché "i tempi biblici per una sua conclusione avrebbero reso l'iniziativa del tutto inutile", spiega il segretario generale Giuseppe Caronia. Per questo motivo si chiede, invece, di chiamare la più presto un tavolo a palazzo Chigi.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: