le notizie che fanno testo, dal 2010

Telecom passa alla spagnola Telefonica: 66% di capitale sociale di Telco

Si è concluso l'accordo tra la compagnia iberica Telefonica e Generali, Mediobanca e Intesa SanPaolo, tutti soci di Telco, la holding che controlla il 22,4% di Telecom. Il controllo di Telecom passa quindi in mani spagnole.

Concluso l'accordo tra la compagnia iberica Telefonica e Generali, Mediobanca e Intesa SanPaolo, tutti soci di Telco, la holding che controlla il 22,4% di Telecom. Come si legge in un comunicato stampa congiunto, Telefonica "sottoscriverà in data odierna un aumento di capitale sociale di Telco, per complessivi euro 324 milioni, da liberarsi mediante versamento in denaro, valorizzando la partecipazione in Telecom Italia posseduta da Telco ad uero 1,09 per azione. A servizio di tale aumento di capitale saranno emesse esclusivamente azioni di Classe C prive del diritto di voto, convertibili da Telefonica (al verificarsi di alcune condizioni, ndr) in azioni con diritto di voto". A seguito dell'accordo, il capitale sociale di Telco risulterà così suddiviso: Telefonica avrà il 66% di capitale sociale, di cui il 46,2% con diritto di voto, Generali il 19,32%, con diritto di voto per il 30,6%, e Intesa e Mediobanca il 7,34% entrambe, con diritto di voto pari all'11,6%. Il comunicato stampa prosegue specificando che "contestualmente all'esecuzione dell'aumento di capitale, Telefonica acquisterà, al valore nominale, dai Soci Italiani - pro quota - una parte del prestito obbligazionario emesso da Telco, cosicché la quota di tale prestito detenuta da Telefonica dopo la compravendita sarà pari al 70% del totale, ed il restante 30% sarà ripartito tra AG (17%), IS (6,5%) e MB (6,5%)". Infine, viene comunicato che "ciascun socio di Telco mantiene la possibilità di vedersi attribuire le azioni di Telecom Italia, uscendo così dal patto parasociale, attraverso la scissione di Telco, che potrà essere richiesta durante una prima finestra tra il 15 ed il 30 giugno 2014 ed una seconda finestra tra il 1 ed 15 febbraio 2015". Il controllo di Telecom passa quindi in mani spagnole, con i soci italiani che conquistano l'obiettivo, già prefissato da tempo, di "disinvestire".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: