le notizie che fanno testo, dal 2010

Tares: prima rata a maggio ma maggiorazione da dicembre

Il presidente dell'Anci, Graziano Delrio, anticipa che i Comuni potranno richiedere "da subito" il pagamento della Tares, ma senza la maggiorazione dei 30 centesimi al metro quadro, che sarà applicata da dicembre. La prima rata della Tares, quindi scatterebbe a maggio.

Al termine dell'incontro a Palazzo Chigi tra una delegazione di sindaci e i rappresentanti del governo Monti, per discutere, oltre al decreto sui pagamenti dei debiti che le PA hanno vesro le imprese, le questioni della Tares, dell'IMU e del patto di stabilità, il presidente dell'Anci Graziano Delrio spiega di aver avuto una importante apertura dall'esecutivo proprio sul fronte della nuova tassa, la Tariffa Rifiuti e Servizi. Delrio spiega che l'Anci ha "ottenuto che i Comuni possano richiedere il pagamento da subito, utilizzando le vecchie modalità fino all'ultima rata di dicembre. - aggiungendo - In questo modo non avremo quei problemi di liquidità e di rifiuti per strada che avevamo denunciato". In altre parole, il pagamento della Tares, la prima rata, inizierà già dal mese di maggio ma i 30 centesimi in più a metro quadro previsti nell'imposta verranno applicati solo da dicembre. "I trenta centesimi di sovrattassa al metro quadro" andranno "direttamente allo Stato e non ai Comuni, e sarà chiaro che questa maggiorazione va alle casse statali" conclude quindi Graziano Delrio. Sembra quindi che la "stangata" di luglio sia stata solo rimandata, nella speranza probabilmente che l'economia riparta. In queste ultime settimane, infatti, molte associazioni avevano avvertito, come la CGIA di Mestre, che l'accoppiata di Tares e IMU metteva "a rischio le vacanze estive di molte famiglie, con ricadute molto negative sulla principale industria italiana: il turismo". Stavano inoltre già cercando di evitare l'introduzione della Tares, con le maggiorazioni, anche PD e PDL, che hanno presentato al Senato una mozione comune per "evitare così un nuovo bagno di sangue per i cittadini", come sostenuto dai firmatari Alessandra Mussolini e Vincenzo Cuomo. Nessuna sostanziale novità invece sull'IMU, nonostate il pagamento della prima rata, a giugno, si comincia ad avvicinare, con preoccupazione da parte di molti italiani.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: