le notizie che fanno testo, dal 2010

Taranto: morte cerebrale per l'anziana colpita in ospedale. Caccia all'aggressore

Misteriosa aggressione ad una anziana di 74 anni. La donna è stata colpita alla testa mentre si trovava ricoverata all'ospedale Santissima Annunziata di Taranto.

Appare assurda l'aggressione ad una anziana di 74 anni, aggredita all'improvviso mentre era su una barella nella sala di osservazione dell'ospedale Santissima Annunziata di Taranto. Stando alle prime ricostruzioni, la donna era giunta al pronto soccorso ieri sera a causa di un malore. Dopo gli accertamenti medici, la 74enne è stata tenuta sotto osservazione in vista delle dimissioni. Ad accompagnarla all'ospedale il figlio, che ha accudito l'anziana anche durante la notte. Proprio mentre la donna riposava, l'uomo si è allontanato per un breve lasso di tempo e al suo ritorno ha scoperto la madre che perdeva molto sangue dalla testa. I medici hanno quindi trasportato la 74enne nel reparto di rianimazione e lì purtroppo sono stati costretti a dichiararne la "morte cerebrale". I sanitari hanno appurato che l'anziana è stata colpita violentemente con un oggetto contundente, ma perché non è ancora chiaro. I sospetti ricadono su un uomo di 40 anni, ancora da rintracciare, arrivato al pronto soccorso in stato di agitazione e dileguatosi proprio dopo l'aggressione alla donna. Ad aiutare gli investigatori alcune telecamere di sorveglianza dislocate nell'ospedale, che potrebbero aver filmato chi si è avvicinato alla donna.

© riproduzione riservata | online: | update: 09/08/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

argomenti correlati:
medici sangue Taranto telecamere vista
social foto
Taranto: morte cerebrale per l'anziana colpita in ospedale. Caccia all'aggressore
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI