le notizie che fanno testo, dal 2010

Tari: Comuni ignorano richiesta pubblicazione web calcolo, dice Codacons

Il Codacons sul pasticcio TARI.

"I Comuni non hanno risposto alla richiesta del Codacons di pubblicare sui propri siti web le modalità di calcolo della TARI, pertanto agli utenti non resta altra strada che diffidare il proprio Comune a fornire i criteri di calcolo della tassa sui rifiuti e restituire le maggiori somme pagate a causa degli errori nell'addebito della quota variabile" espongono in una nota dall'associazione dei consumatori.

«Mentre Anci e Mef giocano allo scaricabarile, milioni di italiani non sanno se la propria bolletta dei rifiuti sia corretta o meno - spiega il presidente Carlo Rienzi - Gli utenti possono però agire in autotutela, utilizzando il modulo di diffida pubblicato sul sito del Codacons: in tal modo sarà possibile da un lato conoscere eventuali errori del proprio Comune nel calcolo della Tari, dall'altro intimare la restituzione entro 30 giorni delle maggiori somme pagate a causa di tali errori».

«E se le amministrazioni non risponderanno alle diffide degli utenti, sarà inevitabile una miriade di ricorsi nelle Commissioni Tributarie promossi dal Codacons, con costi legali ingenti per i Comuni, le cui casse appaiono già sufficientemente disastrate» conclude Rienzi.

© riproduzione riservata | online: | update: 22/11/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Tari: Comuni ignorano richiesta pubblicazione web calcolo, dice Codacons
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI