le notizie che fanno testo, dal 2010

Made in Italy, Cenni (PD): contro contraffazione più coordinamento e nuove norme penali

"Il Made in Italy si tutela soprattutto con i fatti. Per questo chiediamo al governo di continuare il suo impegno e concretizziamo il nostro con gli atti parlamentari che ci competono che saranno proposte di legge del gruppo Pd e ulteriori impegni per il Governo", così in una nota Susanna Cenni dal Partito Democratico.

"Il Made in Italy si tutela soprattutto con i fatti. Per questo chiediamo al governo di continuare il suo impegno e concretizziamo il nostro con gli atti parlamentari che ci competono che saranno proposte di legge del gruppo PD e ulteriori impegni per il governo" dichiara Susanna Cenni in merito alla relazione della Commissione di inchiesta sui fenomeni della contraffazione su possibili proposte normative in materia penale in tema di contraffazione.
"Questa relazione, - spiega l'esponente dem - la prima che giunge in Aula, (seguiranno nelle prossime settimane Prato e poi l'indagine sull'olio di oliva) è scaturita dall'ascolto delle principali procure impegnate sul fenomeno, del mondo produttivo, delle forze dell'ordine, delle Agenzie delle dogane, dei ministri di Giustizia, Attività Produttive e politiche Agricole, del sottosegretario Gozi, con il suo quadro sui dossier aperti in sede europea, e ha evidenziato le positività, ma anche una serie di handicap del sistema di contrasto alla contraffazione nel paese. Limiti che vanno dalle procure sommerse di lavoro alla sovrapposizione delle norme in vigore, dall'azione delle forze dell'ordine che necessita di più coordinamento all'insufficiente azione europea e internazionale".
"Il testo esamina le norme in vigore, quelle di prevenzione, quelle previste dal codice civile e in sede penale e le direttive comunitarie. - chiarisce la parlamentare - Ne sottolinea l'evoluzione, l'inutile stratificazione, l'obsolescenza. Affronta terreni nuovi come il commercio on line, nonché la dimensione comunitaria e internazionale con i Trattati, a partire dal TTIP, con i problemi legati all'italian sounding".
"Alcune risposte ai fronti aperti sono già arrivate: - assicura Cenni - l'annuncio del vice presidente del Csm Legnini, di avviare un corso di specializzazione sulla materia per i magistrati, l'insediamento di un pool di magistrati ed esperti per mettere a punto proposte di riforma dei reati in materia agroalimentare da parte del ministro Andrea Orlando, l'aggiornamento delle norme in materia agroalimentare del ministro Maurizio Martina, gli interventi contro il caporalato. Il PD, inoltre, a breve presenterà una sua proposta di legge per aggiornare il sistema, norme e forme di coordinamento dell'azione di contrasto ma anche dei singoli Ministeri coinvolti". "Siamo tutti impegnati a far sì che la contraffazione, ambito oggi scelto come luogo di investimento e di diversificazione dell'attività per pezzi della criminalità organizzata e mafiosa nazionale e internazionale, diventi per tutti loro un pessimo affare" conclude quindi la deputata democratica.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: