le notizie che fanno testo, dal 2010

Vittorio Arrigoni rapito a Gaza: su YouTube video delle rivendicazioni

Vittorio Arrigoni, un cooperante italiano, inviato de "Il Manifesto", è stato rapito oggi, giovedì 14 aprile, a Gaza. Nel video, trasmesso su Youtube, le condizioni per il rilascio e le accuse al governo italiano e di Hamas.

Vittorio Arrigoni, un cooperante italiano, inviato de "Il Manifesto", è stato rapito oggi, giovedì 14 aprile, a Gaza, sembra da un gruppo islamico salfaita, stando a quanto riporta Libero News. Su Youtube è stato pubblicato un video di rivendicazione, dove scorre un messaggio in lingua araba che accuserebbe sia il governo italiano che quello di Hamas. Nel video Vittorio Arrigoni appare bendato, vestito di nero, sanguinante nel volto e con le mani presumibilmente legate dietro la schiena. Una mano "esterna" tiene Arrigoni per i capelli, e pare che l'organizzazione che l'avrebbe preso in ostaggio minacci di uccidere il volontario italiano entro 30 ore (a partire dalle 10 ore Italiane di giovedì) se non verranno rilasciati alcuni detenuti salafiti. La notizia è apparsa inizialmente come breaking news dal sito dell'agenzia stampa palestinese Maan e nel video i sequestratori accuserebbero Vittorio Arrigoni di diffondere "i vizi occidentali". Il governo italiano, invece, sarebbe accusato di combattere contro i Paesi musulmani, mentre Ismail Haniyeh, premier del governo di Hamas, verrebbe indicato come colui che lotterebbe contro la sharia, cioè la legge religiosa musulmana. ThisisGazaVoice, che trasmette il video su Youtube, scrive in sovraimpressione che "Il popolo di Gaza si dispiace per quello che questi bigotti hanno fatto a Vittorio - aggiungendo e sperando - Siamo sicuri che presto sarà libero e salvo".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# governo# Hamas# musulmani# premier# schiena# video# Youtube