le notizie che fanno testo, dal 2010

Restiamo umani: 10 euro per Santoro sì e Vittorio Arrigoni no?

Il libro di Vittorio Arrigoni "Stay Human (Restiamo umani)" sta per diventare un film. Per sostenere il progetto bastano 10 euro, la stessa cifra che molti già donarono a Michele Santoro per sostenere il vero Servizio Pubblico, come spiegava il conduttore.

Solo pochi mesi fa Michele Santoro, all'inizio della sua "avventura" con Servizio Pubblico (che allora si chiamava ancora "Comizi d'amore"), chiedeva a chiunque volesse sostenere il progetto di donare 10 euro (http://is.gd/E36NDf), invitando "a diffondere questa richiesta tra tutti i vostri amici, tra tutti i vostri conoscenti, tra tutti i vostri parenti, anche tra coloro che magari non sanno usare internet e ai quali voi dovete fornire le informazioni per fare un bonifico o per fare un conto corrente postale".
Questo stesso appello può essere sicuramente rigirato per sostenere, sempre almeno con 10 euro, il progetto di Azione Sperimentale (http://is.gd/9sCGDi), "un gruppo di artisti e professionisti che confidano nella potenza del messaggio dei vari linguaggi dell'arte, che si muove dalla musica all'arte visiva, dal teatro alla videoarte, dall'organizzazione di eventi alla realizzazione di opere documentarie" (http://is.gd/OqTDkO).
Come spiega Fulvio A.T. Renzi di Azione Sperimentale, un anno fa propose a Vittorio Arrigoni (http://is.gd/DAtNpI) l'idea di portare in scena la lettura del suo libro "Stay Human (Restiamo umani)", la cui pubblicazione veniva annunciata dal blog dello stesso attivista "Guerrilla Radio" (http://is.gd/kYzJzA) il 20 marzo 2009. A gennaio 2012, però, un piccolo post nel blog di Vik annunciava che il "libro di Vittorio diventa un 'Reading Movie' ", firmato da Egidia Beretta (la mamma) e Alessandra Arrigoni (la sorella). Sul sito restiamoumani.com (http://www.restiamoumani.com/) tutte le informazionim anche su come partecipare alla produzione del film (http://is.gd/L3Izp3), donando appunto 10 euro, dove si spiega che "in totale accordo con produzioni dal basso" si è "attuato il programma di anticipo quote facoltativo" e si annuncia che "il termine per la prenotazione delle quote è stato posticipato fino al 31 di Marzo ma è necessario finire il prima possibile".
Non è quindi il momento di rimandare "come a volte accade", come sottolinea sempre Fulvio Renzi del gruppo Azione Sperimentale, perché ricorda che con Vittorio Arrigoni "sbagliammo le priorità e quindi posticipammo il progetto. Oggi mi accorgo del grave errore".
"Non stiamo facendo giornalismo, né informazione, né politica, non facciamo commemorazioni, non siamo finanziati da nessuna organizzazione né facciamo parte di alcun gruppo politico o religioso - spiega Azione Sperimentale - Siamo degli artisti che stanno producendo un'opera d'arte per dare voce alle parole di Vittorio, che verrà tradotta e sottotitolata in più lingue e diffusa gratuitamente a livello mondiale, al solo scopo 'di rendere giustizia a chi non ha più voce, forse a chi non ha mai avuto orecchie per ascoltare' (Vittorio Arrigoni), spezzando – con la potenza del linguaggio artistico – l'assordante silenzio del cosiddetto mondo civile. La sua testimonianza è stata scritta per il mondo intero, perché tutti sappiano cosa è accaduto e cosa continua ad accadere in Palestina, così come agli altri popoli e persone che si trovano nelle stesse identiche condizioni soffrendo lo stesso destino. Questa testimonianza serve a trasformare chi la ascolti in ulteriori testimoni e noi ora abbiamo il dovere di diffonderla; stiamo agendo per la conoscenza, per l'annullamento di ogni individualismo di lotta e per unirci attorno a un'unica meta: la diffusione della verità".
Quella verità "anelito dell'essere umano" come ricordava da Cuba anche Papa Benedetto XVI, invitando tutti a ricercarla perché solo essa ci "renderà liberi" veramente (http://is.gd/Eo6LVC).
A dar voce alle parole di Vik saranno "Tariq Ali, Huwaida Arraf, Massimo Arrigoni, Mohamed Bakri, Oren Ben-Dor, Egidia Beretta Arrigoni, Hilarion Capucci, Noam Chomsky, Brian Eno, Norman Finkelstein, Stéphane Hessel, Mairead Corrigan-Maguire, Luisa Morgantini, Akiva Orr, Moni Ovadia, Ilan Pappé, Desmond Tutu, Roger Waters, Rabbi David Weiss", leggendo ognuno uno dei 19 capitoli del libro (il Reading Movie sarà sottotitolato in 16 lingue: Italiano, Inglese, Spagnolo, Tedesco, Portoghese, Francese, Rumeno, Greco, Norvegese, Svedese, Ebraico, Arabo, Cinese, Giapponese, Farsi, Hindi-Urdu).
A spiegare come il libro "Stay Human" poteva diventare il film che si sta per realizzare è lo stesso Vittorio Arrigoni, attraverso le parole che usò per cercare di dar forma al progetto, rammentate da Fulvio Renzi: "Si potrebbero organizzare dei readings nelle varie città, (io potrei intervenire telefonicamente, gli eventi sarebbero pubblicizzati su Il Manifesto, sui nostri blog e aggiro per internet) e questo potrebbe essere anche una interessante occasione per contarsi, conoscersi, legarsi. Non siamo pochi, siamo tanti, e possiamo davvero contare, credetemi".
E questa può essere davvero l'occasione auspicata da Vik "per contarsi, conoscersi, legarsi" perché "nonostante tutto l'umanità deve esserci sempre dentro di noi e dobbiamo portarla agli altri", come ricordava Egidia Beretta dopo l'uccisione del figlio.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: