le notizie che fanno testo, dal 2010

Israele: ancora raid su Gaza. Hamas punta razzi su centrali nucleari

Continua drammaticamente l'offensiva israeliana sulla Striscia di Gaza, causando solo questa notte almeno 21 morti, tra cui anche 5 bambini che non erano ovviamente dei terroristi. Per tutta risposta, Hamas starebbe puntato i suoi razzi contro le centrali nucleari di Israele.

Continua drammaticamente l'offensiva israeliana sulla Striscia di Gaza. Negli ultimi tre giorni, l'operazione Protective Edge condotta con aerei e droni avrebbe causato almeno 74 morti e 550 feriti tra i palestinesi. Solo questa notte, a cadere sotto le bombe israeliane sarebbero state 21 persone, tra cui risulterebbero anche 5 bambini, che non erano ovviamente dei terroristi. La città più colpita è stata quella di Khan Yunis, a sud del territorio controllato da Hamas. "Abbiamo raggiunto 326 obiettivi a Gaza durante la notte portando a 750 il numero totale di obiettivi di Hamas colpiti dall'esercito dall'inizio dell'operazione 'Border Protection' " comunica un portavoce dell'esercito dell'esercito di Israele, anticipando che l'attacco di terra sarà considerata come "ultima opzione". L'ultima spiaggia di Hamas, citando il drammatico film di Stanley Kramer, consisterebbe invece nel puntare i suoi razzi contro le centrali nucleari di Israele. Solo questa notte, il braccio armato di Hamas avrebbe lanciato dalla Striscia di Gaza 105 razzi, di cui 82 caduti in territorio israeliano e 21 intercettati in volo grazie al sistema di difesa israeliano Iron Dome. Intanto, giunge la notizia che questa mattina un razzo M75 sarebbe caduto in un'area intorno a Dimona, nelle cui vicinanze si troverebbe una centrale atomica. Un secondo razzo, avrebbe invece colpito nei pressi della base aerea di Ramon, vicino a Mitzpe Ramon. Hamas afferma di possedere almeno 10mila razzi, e negli ultimi tre giorni di conflitto ne sarebbero stati lanciati quasi 400, anche se nessuno finora avrebbe causato morti o feriti. Abu Mazen, leader della Palestina, attacca Israele sostenendo che "gli eventi di queste ore non sono una guerra contro Hamas, ma una guerra contro il popolo palestinese. Partita da Hebron, passata a Shufat e adesso a Gaza". Dal canto suo, Shimon Peres ha avvertito che l'invasione della Striscia di Gaza "può ancora essere evitata" se Hamas smetterà di lanciare razzi contro Israele. Osama Hamdan, una delle figure di spicco di Hamas nella Striscia di Gaza, ha denunciato però che Israele si rifiuterebbe di negoziare un nuovo accordo di cessate il fuoco.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: