le notizie che fanno testo, dal 2010

Israele a abitanti Striscia di Gaza: evacuate case, intensifichiamo raid

Nonostanti i ripetuti appelli al dialogo, il governo di Israele ed Hamas, che controlla la Striscia di Gaza, non sembrano intenzionati a deporre, letteralmente, le armi, che finora hanno provocato nella Striscia di Gaza circa 200 morti e 1400 feriti, la maggioranza dei quali civili tra cui donne e bambini. Dopo una tregua durata solo 6 ore, respinta da Hamas, Israele annuncia che "intensificherà" gli attacchi, tanto che avrebbe invitato 100mila abitanti della Striscia di Gaza ad evacuare le proprie abitazioni.

Nonostanti i ripetuti appelli al dialogo, il governo di Israele ed Hamas non sembrano intenzionati a deporre, letteralmente, le armi, che finora hanno provocato nella Striscia di Gaza circa 200 morti e 1400 feriti, la maggioranza dei quali civili tra cui donne e bambini. Ieri l'Egitto aveva avanzato una proposta di tregua, accettata dal Consiglio di sicurezza israeliano ma non da Hamas, con Sami Abu Zuhri, portavoce del movimento che governa Gaza, che avrebbe chiarito: "Siamo ancora sotto occupazione e resistere è diritto del nostro popolo". L'ala militare di Hamas, le Brigate Ezzedin al-Qassam, ha inoltre ieri pubblicato una nota in cui afferma di opporsi alla proposta egiziana perché questa "costituisce una resa e non vale nulla". Avevano invece invitato le parti ad accettare la tregua sia il presidente della Palestina Mahmoud Abbas che Lega Araba, i cui ministri degli Esteri si sono riuniti d'urgenza al Cairo, dove sarebbero dovuti partire i negoziati. In questa occasione, il segretario generale dell'organismo panarabo, Nabil al-Arabi, ha accusato però il governo israeliano di crimini di guerra nella Striscia di Gaza, affermando: "Israele beneficia di un'immunità politica, commette crimini senza esserne ritenuto responsabile". Da Ankara, anche il primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan ha accusato Israele di "terrorismo di Stato contro i palestinesi", denunciando "massacri" di civili e "la strumentalizzazione del sangue versato da bambini palestinesi innocenti per sporche politiche in Medio Oriente". Venerdì 18 luglio il presidente palestinese Abu Mazen andrà in Turchia per colloqui diretti con Erdogan. Dopo sei ore di tregua, in un comunicato ufficiale su Twitter, l’esercito israeliano sottolinea che "Hamas ha lanciato 47 razzi" da quando sono stati sospesi i raid su Gaza, dalle ore 9:00 (locali) di ieri mattina, annunciando quindi: "Abbiamo deciso di riprendere la nostro operazione contro Hamas". Israele avverte quindi che l'offensiva militare sarà "intensificata", tanto che circa 100.000 persone nel nord della Striscia di Gaza avrebbero ricevuto un appello a evacuare la propria abitazione in vista di un imminente attacco. Come riporta l'agenzia di stampa Misna, l'esercito di Tel Aviv ha annunciato di aver già avvertito gli abitanti di Zeitun, Chujaiya e Beit Lahiya. Fonti di stampa e testimoni locali hanno invece confermato che volantini sono stati lanciati sopra Zeitun, a sud-est di Gaza City, mentre in altre zone del piccolo territorio la popolazione ha ricevuto sms sul cellulare e messaggi registrati.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: