le notizie che fanno testo, dal 2010

Gaza: decolla aereo italiano con 30 tonnellate di beni di prima necessità

E' partito questa mattina, dalla Base delle Nazioni Unite di Brindisi alla volta dell'aeroporto di Tel Aviv, con a bordo anche il vice ministro degli Esteri Lapo Pistelli, un aereo umanitario della Cooperazione Italiana destinato alla popolazione palestinese di Gaza, che trasporta 30 tonnellate di beni di prima necessità

E' partito questa mattina, dalla Base delle Nazioni Unite di Brindisi alla volta dell'aeroporto di Tel Aviv, un volo umanitario della Cooperazione Italiana destinato alla popolazione palestinese di Gaza. L'aereo, a bordo del quale viaggerà il vice ministro degli Esteri Lapo Pistelli, trasporta 30 tonnellate di beni di prima necessità: tende, coperte, generatori di emergenza, potabilizzatori, kit sanitari e kit igienici per un valore complessivo di circa 350.000 euro. Come spiegato in una nota della Farnesina, dopo l'arrivo a Tel Aviv, il carico verrà distribuito, per il tramite dell'ONU, alle categorie più vulnerabili della popolazione palestinese: donne, bambini, anziani, che soffrono le conseguenze più gravi del conflitto in corso. Il vice ministro Pistelli assicura: "In attesa che maturino le condizioni per un cessate-il-fuoco permanente l'Italia fa sentire in modo tangibile la propria vicinanza e solidarietà al popolo palestinese, che paga le conseguenze più gravi delle ostilità in corso. Il volo umanitario rientra nell'ambito di un più ampio piano di aiuti di emergenza - annunciato dal Ministro degli Esteri Federica Mogherini in Parlamento - avviato dall'Italia a favore della popolazione della Striscia di Gaza, il cui ammontare complessivo ha superato finora i 2 milioni di euro, anche se il nostro Paese è intenzionato ad investire in aiuti umanitari ulteriori 500mila euro. I fondi in questione saranno destinati a finanziare interventi a forte impatto sociale a favore della popolazione palestinese la cui realizzazione verrà affidata alle Ong italiane operanti in loco, nonché in collaborazione con la Mezza Luna rossa palestinese e con le Agenzie del sistema ONU.

Intanto, Lapo Pistelli, ha iniziato la "tre giorni" a Tel Aviv e Gerusalemme ma anche a Baghdad ed Erbil. Il vice ministro degli Esteri raggiungerà infatti anche l'Iraq per rappresentare alle massime istituzioni irachene la vicinanza della comunità internazionale in un periodo di gravi tensioni e violenze a seguito dell’offensiva di Isis, e l’incoraggiamento per una positiva conclusione del negoziato politico sulla formazione del nuovo governo iracheno. Ad Erbil, capitale della Regione del Kurdistan, Pistelli incontrerà i vertici del governo e verificherà da vicino la situazione delle comunità cristiane sfollate dalle zone di crisi, al fine di individuare gli strumenti più efficaci per continuare a sostenere l’impegno umanitario italiano a sostegno delle autorità di Erbil, delle Agenzie delle Nazioni Unite e delle Ong impegnate sul terreno.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: