le notizie che fanno testo, dal 2010

Gaza: al via colloqui al Cairo. Netanyahu: Hamas come Isis e Boko Haram

Regge il cessate il fuoco di 72 ore nella Striscia di Gaza, iniziata ieri ed accettata sia dai miliziani palestinesi che da Israele. Le delegazioni israeliane e palestinesi pronti ad avviare colloqui a Il Cairo, per cercare di raggiungere una tregua duratura. Il premier israeliano Benjamin Netanyahu accusa intanto Hamas di essere come l'Isis e Boko Haram e di strumentalizzare mediaticamente i civili.

Regge il cessate il fuoco di 72 ore nella Striscia di Gaza, iniziato ieri ed accettato sia dai miliziani palestinesi che da Israele. Le delegazioni israeliane e palestinesi sono pronti ad avviare i colloqui a Il Cairo, per cercare di raggiungere una tregua duratura. I palestinesi chiederanno che Israele termini definitivamente i suoi otto anni di blocco a Gaza nonché l'apertura dei valichi di frontiera. Israele invece vuole la Striscia di Gaza completamente smilitarizzata. Le due parti, comunque, sembrano intenzionate a trovare un accordo. Il ministro degli Esteri palestinese Riyad al-Maliki ha infatti auspicato che "il cessate il fuoco possa prolungarsi per ulteriori 72 ore ed oltre". Intanto, nella Striscia di Gaza si contano le vittime e i danni. Dall'inizio del conflitto, 29 giorni fa, 1.875 palestinesi sono stati uccisi, tra cui 430 bambini, mentre 9.567 persone sono rimanste ferite, tra cui 2.878 bambini. Il vice ministro dell'Economia, Taysir Amro, ha invece rivelato che la guerra nella Striscia di Gaza ha causato un danno totale pari a circa 6 miliardi di dollari. Nel corso della sua prima conferenza stampa dall'inizio del cessate il fuoco, il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato però che la guerra nella Striscia di Gaza non solo era "giustificata" ma anche "proporzionata" all'offesa. Netanyahu ha quindi mostrato ai giornalisti alcuni video dei razzi partiti da zone residenziali di Gaza diretti ad Israele, accusando Hamas di nascondersi dietro "obiettivi civili". Netanyahu quindi precisa: "Israele si rammarica profondamente per ogni vittima civile. - chiarendo - La tragedia di Gaza è che è governata da Hamas. Solo loro a volere vittime civili, poiché li strumentalizzano mediaticamente. Hamas ha adottato una strategia che utilizza e sacrifica i civili di Gaza. Sparano razzi da scuole, moschee, quartieri urbani, proprio accanto alle scuole, proprio accanto a dove risiedono i giornalisti". Per questo motivo, Netanyahu ha precisato che Hamas è un problema mondiale, proprio come l'Isis e Boko Haram.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: