le notizie che fanno testo, dal 2010

Apple recupera a Wall Street: Steve Jobs Alive!

Apple "recupera" a Wall Street ma il romanzo della malattia di Steve Jobs è solo all'inizio. La salute del CEO simbolo della Mela potrebbe significare la fine dell'età dell'oro di Apple, per il fatto stesso che senza Jobs qualsiasi "retina display" risulterebbe appannato.

Steve Jobs è ancora malato e, per la terza volta nella sua carriera, il CEO di Apple è costretto a lasciare il timone, anche se non formalmente, e a ritirarsi a vita privata per curarsi.
Di che cosa sia malato Jobs non è dato sapere visto che anche lo stesso Steve ha chiesto il rispetto della privacy sua e della famiglia. Fatto sta che Jobs, abituato a tenere la scena per ogni nuova uscita dei prodotti Apple, provoca con la sua "salute" un problema all'azienda e al mercato.
Il fatto che la tecnologia non sia più legata solamente alle prestazioni e alla qualità ma soprattutto al marketing e alla moda del momento, fa sì che l'"esserci o meno" di un CEO possa fare la differenza.
In un certo senso per una azienda che tanto tempo fa ha smesso di fare "computer" veri e propri per cambiare il mondo dell'intrattenimento, è una specie di pena del contrappasso, di un cortocircuito nel sistema operativo dell'infotainment.
Il successo di Apple è Steve Jobs, e quando Steve Jobs non compare più sui monitor anche gli stessi LCD, più o meno definiti, perdono di appeal, e quindi di "risoluzione" marketing.
Questo le Borse e gli speculatori lo sanno bene e, da veri corsari della globalizzazione mostrano alla Apple senza Steve Jobs il "pollice verso".
E non inganni il fatto che oggi Apple abbia "recuperato" le perdite all'1,5% al Nasdaq (dopo aver perso in un primo tempo il 6% sull'annuncio della "malattia" di Jobs), perché la malattia di Steve Jobs vale più di qualsiasi tecnologia di iPad e iPhone.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: