le notizie che fanno testo, dal 2010

MIUR, Giannini: metodo supplenze nella scuola è superato, si cambia

Il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini annuncia che il sistema delle supplenze sarà radicalmente rivisto nel nuovo sistema scolastico pensato dal governo Renzi, assicurando ironicamente: "Ma i supplenti non saranno eliminati fisicamente". Giannini anticipa: "Bisogna ragionare in termini di organico funzionale e non di organico di diritto".

Il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini sceglie la platea del meeting di Rimini per annunciare ciò che era già nell'aria da tempo, e cioè che il sistema delle supplenze sarà radicalmente rivisto nel nuovo sistema scolastico pensato dal governo Renzi. Giannini assicura comunque che "i supplenti non saranno eliminati fisicamente" ma solo "superati", da chi e in che modo si scoprirà il 29 agosto, dopo il CdM. Il ministro fa notare solamente come sia chiaro sin "dall'inizio dell'anno con molta precisione quali sono i posti da coprire stabilmente nella scuola - sottolineando - ma c'è un meccanismo perverso che ci trasciniamo da decenni che non ci consente di lavorare se non con l'organico di diritto e quindi di riempirlo attraverso le graduatorie". Stefania Giannini anticipa quindi che l'obiettivo del governo è quindi quello di "ragionare in termini di organico funzionale e non di organico di diritto". Una mossa, quella del ministro sui supplenti, che dovrebbe "risolvere definitivamente la piaga del precariato". Nella speranza che i precari non si trasformino direttamente in disoccupati.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: