le notizie che fanno testo, dal 2010

Luca Parmitano sulla ISS: dalla Missione X agli esperimenti Diapason e ICE

La missione Volare di Luca Parmitano, l'astronauta dell'ESA appena giunto sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), comprende diversi esperimenti, tra cui due attività extra veicolari, cioè passeggiate spaziali. Il lavoro di Luca Parmitano sulla ISS va dal Programma "Green Air" con gli esperimenti "Diapason" e "ICE" alla importante Missione X, dedicata ai ragazzi.

L'astronauta dell' ESA Luca Parmitano, insieme ai suoi due compagni di viaggio (nello Spazio) Karen Nyberg e Fyodor Yurchikhin, sono partiti ieri sera con la "superveloce" Soyuz TMA-09M per "attraccare" questa mattina sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). La missione di Luca Parmitano è stata ribattezzata "Volare" (in origine "Expedition 36/37"), e per la prima volta un astronauta italiano non opererà solamente all'interno della ISS ma svolgerà anche un'ampia e articolata attività di sperimentazione, in gran parte progettata da ricercatori e industrie italiane, tra cui le due attività extra veicolari (EVA, Extra Vehicular Activity) previste.

Come spiega l' ASI (Angezia Spaziale Italiana), Luca Parmitano per esempio farà parte del Programma "Green Air", "realizzato nell'ambito di un accordo tra l'ASI e AGT Engineering, è basato sulla formula di una 'PPP' (Partecipazione Pubblico-Privato) per l'utilizzo della Stazione Spaziale Internazionale" dove "per la prima volta, l'ASI non eroga fondi ma garantisce al partner l'accesso alla piattaforma spaziale ISS e alle relative risorse necessarie all'esperimento". L'obiettivo del Programma "Green Air" è quello di "utilizzare la sperimentazione in microgravità per caratterizzare il comportamento di nuovi combustibili durante il processo di combustione", e Luca Parmitano, per contro dell'ASI e in collaborazione con la NASA - Glenn Reserch Center di Cleveland (Ohio), porterà a compimento due importanti esperimenti: "Diapason" e "ICE" (Italian Combustion Experiment).

L'ASI spiega che "l'esperimento Diapason, realizzato dall'italiana DTM, prevede l'istallazione nei moduli della ISS di un'apparecchiatura sofisticata in grado di rilevare la presenza nell'aria di particelle di dimensioni dell'ordine di pochi nanometri, che avrà applicazioni in studi sull'inquinamento atmosferico" mentre "ICE è dedicato allo studio di combustibili innovativi a basso impatto ambientale". Al momento di attivare l'esperimento ICE, Luca Parmitano darà il via a un processo di combustione controllata, che si svolgerà nella facility NASA preposta (CIR - Combustion Integrated Rack), durante il quale sarà analizzato il comportamento di un biocombustibile la cui composizione è stata ideata, definita, e proposta dall'Istituto Motori del CNR di Napoli.

Ma il lavoro di Luca Parmitano non termina qui. Sempre l'ASI ricorda ricorda che l'astronauta dell'ESA (Agenzia Spaziale Europea) sarà impegnato nel Piano di Utilizzazione, che comprende una lunga serie di esperimenti di fisiologia, biologia, fluidodinamica, scienza dei materiali, studio delle radiazioni. Infine, Luca Parmitano sarà protagonista del progetto FASES (Fundamental and Applied Studies in Emulsion Stability), selezionato da ESA e supportato dal contributo ASI. Il progetto FARES è stato ideato e presentato da un nutrito team italiano con l'obiettivo di stabilire relazioni qualitative e quantitative tra le proprietà chimico-fisiche dello strato interfacciale tra liquidi immiscibili e la stabilità delle emulsioni.

Il programma scientifico assegnato a Luca Parmitano include in totale una ventina di esperimenti ESA, come ricerca medica e biologica, fisica dei fluidi, scienza dei materiali e dimostrazioni tecnologiche, sottolinea quindi l'Agenzia Spaziale Europea. Tra questi, Luca Parmitano "prenderà parte all'attracco del Veicolo di Trasferimento Automatico - o ATV - 'Albert Einstein' dell'ESA , il cui lancio è previsto per il 5 giugno". Luca Parmitano, inoltre, "sarà coinvolto da vicino anche nell'attracco di altri veicoli di rifornimento: il giapponese HTV, il Dragon della SpaceX ed il nuovo Cygnus della Orbital Science Corporations".

Infine, la missione di Luca Parmitano comprende anche due attività extra veicolari, o passeggiate spaziali. In una prima passeggiata nella Spazio, l'astronauta dell'ESA dovrà sostituire una telecamera montata sul laboratorio giapponese Kibo e recuperare carichi scientifici mentre la seconda passeggiata spaziale "servirà a preparare l'arrivo, più avanti quest'anno, del Modulo del Laboratorio Multifunzione, che arriverà con il braccio robotico europeo ERA (European Robotic Arm), il primo braccio capace di muoversi intorno all'esterno della Stazione", come sottolinea l'ESA.

Da ultimo, ma non per importanza, Luca Parmitano sarà al centro della Missione X, dove "i ragazzi di tutto il mondo saranno incoraggiati a tenersi in forma e seguire uno stile di vita sano attraverso una gara a livello internazionale", tra cui "la sfida European Space Robotics" dove bisognerà creare "dei robot controllati da remoto che aiutino a scaricare un modello dimostrativo dell'ATV Albert Einstein".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: